il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

La Sagra del mascuotto braciglianese

La “sagra del mascuotto braciglianese” si volge ogni anno a Bracigliano (fra. San Nazario) alla fine di luglio, in occasione della festa patronale dedicata ai Santi Nazario e Celso. Protagonista assoluto della manifestazione è il “mascuotto”, pane di grano tostato come da antica tradizione, preparato dai mastri fornai braciglianesi. Ess viene offerto secondo le tradizionali ricette: la “caponata” con olio di oliva e fagioli lessati; il “mascuotto e mallone”, antica ricetta dei poveri con foglie di broccoli e patate, il tutto saltato in padella con aglio e olio; il “mascuotto” con affettati locali e pomodori. Fanno da corona gustose ricette come i i “fusilli alla sannazarese” e la “pasta e fagioli”; tra i panini non manca quello con la “salsiccia paesana”. Un fornitissimo stand gastronomico, poi, consente di acquistare i tipici prodotti braciglianesi come mascuotti, taralli, salumi, vino, olio e miele. Come ogni anno sarà presentata, all’interno della sagra, la rassegna “Bracigliano: reginella tra pane e cerase” (titolo ispirato alla nota canzone napoletana “Reginella”). La sagra si svolgerà nel periodo dal 29 luglio al 2 agosto 2011.

 

1 Commento

  1. Ben vengano tali suggestive manifestazioni paesane, dense di spettacolare folclore che sanno ancora ben distribuire lo splendore delle antiche tradizioni locali. Gli organizzatori di tali stupendi manifestazioni meriterebbero ambiti premi di riconoscenza per il loro assiduo lavoro organizzativo , i quali fanno il loro meglio per promuovere sacre di questo genere che, fra l’altro , sanno pubblicizzare molto bene i prodotti locali.
    Alcune volte sono andato , sia a Bracigliano che a Siano ( due paesi limitrofi che, più o meno , producono i medesimi saporitissimi prodotti. I “mascuotti “ di Bracigliano e di Siano sono , forse, tra i migliori che ci siano sul mercato; anche le salsicce e le ciliege fanno da padrone in ogni dove per il loro aggraziante sapore. Ricordo che alcuni anni fa , Lo Scrittore e Poeta Avvocato Michele Sessa di Fisciano organizzò una manifestazione culturale a Siano e invitò alcuni di noi , amanti della poesia , a declamarne qualcuna in piazza , mentre si svolgeva la sacra delle ciliegie. Fu una festa bellissima , mentre le nostre “ poesie “ si guadagnarono un bel cestino di fresche , dure e dolci ciliegine del luogo.
    Credo che si dovrebbero invogliare ancora di più l tali sacre paesane, perché in esse vi è tutta la saggezza e la buona tradizione della nostra gente . Allora, viva la sacra di Bracigliano e d quelle della intera Provincia salernitana!!
    Alfredo Varriale

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.