il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Idraulico-forestali: sbloccare gli stipendi !!

Comunità Montane, Miano: “La Provincia sollecita lo sblocco degli stipendi agli idraulico-forestali”

“Sbloccare gli stipendi dei circa tremila operai idraulico forestali delle Comunità Montane salernitane è l’obiettivo dell’Amministrazione Cirielli”. Con queste parole, l’assessore provinciale all’Agricoltura, Mario Miano, ha aperto il tavolo tecnico con gli amministratori delle undici Comunità Montane della provincia tenuto oggi a Palazzo Sant’Agostino. “La Provincia di Salerno-continua- ha a disposizione undici milioni di euro da trasferire agli Enti montani con un riparto indicato dalla Regione Campania. Ho già chiesto all’assessore regionale Vito Amendolara di intervenire con un decreto assessorile per consentire alla Provincia il trasferimento dei fondi già nelle nostre casse e addivenire, così, all’attuazione di un primo provvedimento in favore dei lavoratori che da mesi non percepiscono gli stipendi”. “Mi farò portavoce presso la Regione Campania -aggiunge- per un’interlocuzione indirizzata a rimuovere lo stato di agitazione nel settore della forestazione con lo sblocco delle spettanze per i nostri operai in difficoltà, così come richiesto oggi all’unanimità dagli amministratori delle Comunità Montane unitamente ai rappresentanti delle sigle sindacali”. “Durante la riunione odierna -conclude- oltre all’emergenza relativa alla retribuzione degli stipendi agli idraulico-forestali, si è discusso della necessità di una rivisitazione della Legge Regionale 11/96 per rivedere le mansioni dei lavoratori salernitani, proponendo un cambio di utilizzazione degli stessi, una proposta che ho già portato all’attenzione dell’assessore Amendolara”. Alla riunione hanno partecipato, tra gli altri, i rappresentanti delle sigle sindacali CGIL, FAI-CISL e UIL, il presidente regionale dell’UNCEM, Donato Cufari ed il vicepresidente Andrea Cirillo.

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.