il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Vallo: progetto giovani attivi

UN PROGETTO DEDICATO AI GIOVANI DEI 19 COMUNI DEL VALLO DI  DIANO E DEL TANAGRO

Marilena Mascolo

Si chiama “Giovani Attivi” il bando regionale con cui si offre la possibilità ai giovani, di età compresa tra i 18 e i 32 anni e residenti in uno dei 19 comuni dell’Ambito S4, di potersi costituire in gruppi informali  e presentare idee progetto, innovative e sperimentali, inerenti la realizzazione di iniziative riguardanti i temi della solidarietà e dell’impegno civile, quali la disabilità, il contrasto all’emarginazione sociale, l’animazione socio-culturale, l’antirazzismo, la sicurezza urbana, il dialogo intergenerazionale, le pari opportunità e la comunicazione sociale.  In particolare le idee progetto dovranno svilupparsi mediante azioni di promozione di forme di aggregazione giovanile, azioni seminariali di carattere informativo, costituzione di forum giovanili tematici, scambi culturali, animazione e diffusione culturale, prevenzione del disagio e della marginalità, azioni per favorire l’integrazione tra le generazioni, il recupero della memoria ed azioni di comunicazione sociale. Il costo massimo per ciascuna proposta progettuale da realizzare, della durata massima di 12 mesi, non può essere superiore ad € 25.000,00. “L’obiettivo, dichiara il responsabile del Piano di Zona s4, Antonio Florio,  è quello di favorire il protagonismo giovanile nel nostro comprensorio attraverso il sostegno a progetti ideati e organizzati dagli stessi giovani”. I giovani residenti in uno dei 19 comuni di competenza del Piano Sociale di Zona Ambito S4, dovranno presentare apposita manifestazione di interesse entro il prossimo 19 Settembre presso il protocollo dell’Ufficio del Piano Sociale di Zona Ambito S4 ubicato in via Mezzacapo di Sala Consilina. Tutti i particolari dell’iniziativa possono essere attinti sul sito www.pianosociales4.it dove è pubblicato il bando integrale del  P.O.R. Campania FSE 2007/2013 – Asse III “Inclusione Sociale” – Obiettivo Specifico: G) “Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati per combattere ogni forma di discriminazione nel mercato del lavoro” – Obiettivo Operativo: G10) “Promuovere forme di cittadinanza consapevole e partecipativa”.

 

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.