il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Il racconto delle pietre

Si concluderà venerdì 23 settembre a Sassano nel palazzo babino

Alfonso D’Alessio

Sassano – Si concluderà venerdì 23 settembre la rassegna “Il racconto delle pietre” voluta dalla Provincia di Salerno per riscoprire il territorio salernitano grazie ad eventi culturali preceduti da interessanti visite guidate. Alle ore 21, a Palazzo Babino di Sassano (Sa), il soprano Paola Santucci, il tenore Enzo Errico, il mezzo soprano Antonella Carpenito, con il coro Jubilate Deo, diretti di maestro Giuseppe Polese, ripercorreranno le più belle arie tratte dal repertorio operistico per solisti, coro e pianoforte (ingresso libero). Il concerto si inserisce, dunque, all’interno del progetto “Il Racconto delle Pietre – la Provincia di Salerno tra Miti e Tradizioni”, (la cui direzione artistica è stata affidata al maestro Domenico Spetrini) promosso e realizzato dalla Provincia di Salerno Settore Turismo, cofinanziato dall’Unione Europea, dallo Stato Italiano e dalla Regione Campania, nell’ambito del Programma Operativo FESR 2007/2013, ob.op. 1.9. «La tua Campania cresce in Europa».

NOTE: Non poteva avere migliore e più degna conclusione la grossa ed interessante manifestazione “Il racconto delle pietre” voluta dalla Provincia di Salerno e diretta alla riscoperta del territorio o, almeno, di quei tesori nascosti e poco frequentati. Il Palazzo Babino di Sassano è una perla di grosso valore, esso fu ripescato quasi dal nulla per l’interessamento dell’ex assessore provinciale alla cultura Gaetano Arenare che per oltre venti anni è  stato il sindaco della cittadina del Vallo di Diano. Completamente ristrutturato dalla Provincia è stato donato alla comunità sassanese. Fu inaugurato il 25 agosto 2009 alla presenza della prestigiosa Katia Ricciarelli. Il Palazzo, restituito ai suoi antichi splendori, grazie ai lavori di recupero, restauro e rifunzionalizzazione che hanno interessato l’intera struttura, ritornò così alla pubblica fruizione, nella sua originaria configurazione architettonica così come previsto dal progetto. Gli interventi, per una spesa complessiva di circa 600 mila euro, furono finanziati attraverso i fondi POR Campania 2000-2006-progetto integrato “Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano”, Misura 1.9. Il Palazzo Babino fu acquistato dall’Ente Provincia di Salerno e donato successivamente al Comune di Sassano che, a sua volta, si è attivato per riqualificare la storica struttura con il duplice intento di realizzare un nuovo spazio pubblico polifunzionale e di rivitalizzare l’area più alta del centro storico in cui esso sorge.  L’edificio si estende su tre livelli per complessivi 500 metri quadri. A piano terra è stata realizzata una sala conferenze multimediale, mentre al primo piano è stata approntata un’ampia sala da adibire ad esposizione museale. Dunque l’occasione de “Il racconto delle pietre” rinsalda ancora di più il legame tra la comunità sassanese e l’intera provincia di Salerno.

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.