il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Orta: oggi si chiude

Da Francesca Blasi

ORTA DI ATELLA –  Si conclude, oggi venerdì 18 novembre, nella Sala Consiliare del Comune di Orta di Atella (ore 19) la prima edizione degli “Incontri Nazionali del Cinema e Premio Fabulae Atellanae per …”. La rassegna, voluta dall’amministrazione comunale e dall’Assessorato allo Sport e Cultura, congiuntamente alla Commissione Cultura presieduta da Franco Pietrantonio, con la direzione artistica di Nicola Scorza, dopo nove giornate dedicate al cinema, si chiuderà con il “Premio Fabulae Atellanae”. Una significativa scultura creata dal maestro Nicola Villano, raffigurante le quattro maschere della commedia atellana (Maccus, Pappus, Bucco e Dossennus) verrà consegnata ad illustri esponenti del mondo della comunicazione, dello spettacolo e della cultura che saranno a Orta di Atella per ricevere il riconoscimento. Premio Fabulae Atellanae per il giornalismo al volto della Rai, Francesco Giorgino; Premio Fabulae Atellanae per la fiction tv a Nina Soldano, attrice di Un posto al sole;  Premio Fabulae Atellanae per la cultura all’on. Prof. Riccardo Ventre; Premio Fabulae Atellanae per le Attività Produttive a Don Alfonso Iaccarino;

Premio Fabulae Atellanae per il cinema all’attore teatrale e cinematografico boemo, Ivan Franek;

Premio Fabulae Atellanae per il teatro a Deniz Ozdogan, la Giulietta protagonista, insieme al Romeo – Riccardo Scamarcio -  al Teatro Eliseo dello Shakespeare targato Valerio Binasco, salutato (evento raro nella prosa) come capolavoro; Premio Fabulae Atellanae per la produzione cinematografica a Martha Capello, presidente Associazione Giovani Produttori Cinematografici. “Siamo molto soddisfatti – sottolinea il sindaco di Orta di Atella, Angelo Brancaccio – di aver organizzato questa rassegna grazie alla quale i nostri concittadini, non solo hanno avuto l’opportunità di godersi la visione di film di alto livello, ma hanno anche potuto conoscere artisti di fama internazionale che hanno svelato i trucchi e le difficoltà del mondo del cinema. Nove i film e due i cortometraggi scelti appositamente per l’evento organizzato soprattutto grazie all’impegno dell’assessorato alla Cultura e della Commissione Cultura presieduta da Franco Pietrantonio. La nostra amministrazione comunale si impegnerà affinché la manifestazione prosegua e si arricchisca anche nei prossimi anni. Per questo motivo – aggiunge il primo cittadino – ho pensato di coinvolgere anche i comuni limitrofi affinché si possa ideare una manifestazione più ampia e più ricca di spunti. Il fatto che il pubblico, la critica e i mezzi di comunicazione ci abbiano seguito in modo così costante non è un dato da trascurare, anzi, ci deve dare la forza e l’entusiasmo per investire ulteriormente le nostre energie in questo progetto”. Secondo l’assessore comunale alla Cultura, Eduardo Indaco: “Il Festival è stato un vero successo. Oltre mille persone hanno seguito, complessivamente, le serate degli Incontri Nazionali del Cinema. Devo ringraziare il sindaco e la giunta nel suo insieme per avermi appoggiato in questa idea. Non è facile, infatti, investire nella cultura soprattutto in tempi delicati come questi dove, invece, è più facile parlare di tagli alla cultura stessa. La nostra amministrazione è andata in controtendenza organizzando questa manifestazione così ben articolata e completa nel suo insieme. Siamo riusciti a selezionare pellicole intense e a ospitare personaggi importanti sul piano della cultura e del cinema. Non volendo dimenticare, però, le nostre origini abbiamo anche organizzato il “Premio Fabulae Atellanae”, perché accanto al linguaggio immediato e visivo del cinema, abbiamo voluto valorizzare le nostre tradizioni e la nostra lunga e preziosa storia”.

 

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.