il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Genoa troppo piccolo, Napoli dilaga

Giornata ricca di gol, il Napoli ne fa 6 al Genoa, l’Atalanta ne fa 4 al Cesena.

Fabio Gioia

Il Napoli orfana di Lavezzi si affida al tridente composto da Hamsik e Pandev alle spalle di Cavani, per il resto Mazzarri, come detto nella conferenza pre-partita, conferma la stessa formazione della disfatta contro la Roma. La partita dopo i primi dieci minuti di apatia viene scossa al dodicesimo da un cross tagliato di Maggio che pesca Cavani sotto porta e al primo tiro insacca alle spalle di Frey. Dopo tre minuti il Napoli trova il goal del raddoppio grazie ad un rilancio lungo di De Sanctis per Pandev che dopo aver portato avanti la palla, la confeziona per Hamsik il quale prova a restituirla al compagno, ma poi si porta la sfera sul sinistro e va a segno. Il Napoli non si ferma, dato che trova al 23esimo minuto con Cavani il terzo gol di giornata: imbeccato da un ottimo lancio di Campagnaro, l’attaccante uruguayano si ritrova da solo davanti a Frey e lo beffa con un delizioso tocco sotto. Finalmente si vede il Genoa che al 27esimo prova a rientrare in partita con un bel sinistro di Jorquera che trova impreparato De Sanctis. Ma la squadra partenopea non si addormenta e lo dimostra con Pandev che se al 38esimo sbaglia clamorosamente facendosi recuperare, al 46esimo mette il suo sigillo sulla partita segnando il 4 a 1 che chiude il primo tempo. Il secondo tempo si apre nell’insegna dei Grifoni che al primo minuto mettono in ansia i partenopei con un tiro di Jankovic ma De Sanctis blocca. Ma è solo un fuoco di paglia dato che dopo due minuti due minuti con Hamsik dove affonda sulla sinistra, tocco arretrato per Gargano, che libera una conclusione che non dà scampo a Frey per il 5 a 1 degli azzurri. Sembra una classica partita di allenamento contro una squadra di categoria inferiore dato che comincia il classico “torello” perché i partenopei sfiorano il sesto gol più di una volta, prima con Cavani che a due passi con Frey colpisce un fotogrago, poi Dzemaili che prima del tiro viene chiuso da Frey. Sesto gol che arriva grazie ad un capovaloro a giro d’esterno di Zuniga. Serata che non ha rispecchiato i tre postici di giornata, tra cui la sfida per il primato Udinese-Juventus finita a reti bianche, infatti i risultati sono stati:

Parma-Catania 3 a 3

Novara-Palermo 2 a 2

Lazio-Chievo 0 a 0

Inter-Lecce 4 a 1

Bologna-Roma 0 a 2

Atalanta-Cesena 4 a 1

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.