il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Vallo di Diano. Libri sempre più cari e il mercatino dell’usato trasloca sul web.

 

 

Antonio Citera

VALLO di DIANO – Anche nel Vallo di Diano il problema del caro libri influisce e non poco sui redditi delle famiglie,le quali denunciano la situazione. Si stima che ogni nucleo familiare, dovrà ricorrere ai propri risparmi o addirittura in alcuni casi ad aiuti esterni per pagare il materiale scolastico dei propri figli. La spesa preventivata per le famiglie che hanno un figlio è pari a 494 euro, che diventano 642 nel caso i figli siano due o più. Se i ragazzi frequentano il liceo, l’esborso può arrivare a 716 euro. Di conseguenza, il 47% dei genitori acquisterà libri usati e il 57% lamenta un aumento della spesa per mandare i figli a scuola.  La soluzione ? Il mercatino dell’usato sul web. Comincia la corsa al risparmio sul caro libro,alunni e genitori incollati al pc alla ricerca del miglior offerente,ed il web come di consueto non tradisce,le offerte sono tante, il boom di siti che consentono di comprare e venderei testi usati consente di fruire ad offerte impensabili. Il risparmio, in media,è del 50 per cento, ma si può arrivare anche al 70 e oltre, se, poi,si riesce a rivendere il testo sullo stesso sito in cui lo si è comprato. Le strade della compravendita sono almeno tre. Chi ha parecchi testi di cui disfarsi, può aprire uno spazio sui market place di eBay odi Amazon, rinunciando però a una percentuale del guadagno che va al gestore del sito. Un’alternativa è ricorrere alle piattaforme di annunci gratuiti, come Comprovendo libro, Vendi libro o Libridea, dove si possono trovare anche dispense e appunti. Nessuno di questi tre portali trattiene percentuali, si mantengono tutti con donazioni o ospitando pubblicità. Libraccio. it, la terza via,funziona, invece, come un vero e proprio negozio online, compra e vende i libri usati, li ritira e li consegna con un corriere. Per concludere l’«affare», non bisogna però solo comparare i prezzi. Tra i fattori che fanno risparmiare,conta la città del venditore,se è la stessa di chi compra,si può ritirare il libro di persona,evitando le spese e i tempi di spedizione ( accertandosi delle condizioni del testo prima di pagarlo).- Verifichiamo l’autenticità di tutti gli annunci e permettiamo agli utenti di comunicare solo via e-mail, per proteggere i minori da eventuali tentativi di molestie.- dicono i gestori dei siti.- Grazie a internet, le famiglie più accorte riusciranno a schivare i rincari, valutati dalle associazioni dei consumatori tra il 3 per cento (Adusbef e Federconsumatori)e il 9 per cento (Codacons). Quindi si corre ai ripari,la crisi che attanaglia le famiglie rende non fruibile l’accesso alle vie convenzionali,si trovano misure sostitutive per sopperire ai fabbisogni primari e non,in questo caso in soccorso arriva internet che dimezza i prezzi e fa respirare le famiglie.- Un figlio che studia costa di media mille euro all’anno compresi quaderni, penne, autobus,- dice una mamma -poi ci sono i viaggi di istruzione che sono un altro salasso-ribadisce,-più le spese ordinarie che aggravano le risorse della famiglia-quindi conclude- ci arrangiamo alla meno peggio,cercando il risparmio dove è possibile.  Una situazione che mette in seria difficoltà le famiglie strette nella morsa pungente di una crisi economica senza precedenti,aggravata anche dal rincaro costante dei beni di prima necessità.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.