il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Salerno: le notti della macumba

 

 

 

Da uff.stampa “eventisapress”

SALERNO – E’ in libreria “Le notti della macumba”, il romanzo giallo della giornalista salernitana Piera Carlomagno, finalista al Premio Tedeschi 2011 bandito da “Il Giallo Mondadori”, per il miglior romanzo giallo italiano inedito. Pubblicato oggi dalla casa editrice Cento Autori, “Le notti della macumba” è liberamente tratto da un fatto di cronaca, che destò grande scalpore a Salerno negli anni Ottanta e diventa un racconto di fantasia attraverso il pretesto letterario dell’errore giudiziario.Chi ha ucciso il bel sassofonista biondo mentre suonava di notte sulla spiaggia al chiaro di luna, se chi ha già scontato una pena di 13 anni per quel delitto passionale dice di essere innocente? E perché la pista seguita dall’avvocato Brizzi porta dritto tra i vicoli di Napoli negli anni in cui regna la camorra e fiorisce l’avanguardia culturale? Qui tra le confidenze di un falso cieco, gli scongiuri di una fattucchiera, la gelosia di un femminiello e i loschi affari del monnezzaro, si dipana l’indagine su un altro, clamoroso, omicidio. I cadaveri non sono finiti, ma i dubbi dell’avvocato fanno presa sull’infallibile commissario Baricco. In una soffocante estate napoletana, la coppia di investigatori arriverà alla sconvolgente soluzione del caso attraverso colpi di scena e antiche verità.Ambientato tra i corridoi del tribunale di Salerno e il centro storico di Napoli, con delle brevi incursioni nella sede della polizia scientifica di Roma, in una pensione di Torre del Greco e alla processione di Santa Margherita ad Albori, “Le notti della Macumba” è un poliziesco, una detective story, tutta incentrata sull’indagine che, svolta attraverso testimonianze e collegamenti, così come si faceva una volta, porterà alla soluzione di un mistero che era ormai destinato a rimanere sepolto e dimenticato.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.