il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Sanità nel salernitano – Il Consigliere Regionale Donato Pica raccoglie l’appello di Margaret Cittadino, segretaria Provinciale CGIL per la Sanità.

 

 

Nota del direttore

Credetemi, in tutta sincerità, tutto mi sarei aspettato, meno che l’on. Donato Pica (eccellente consigliere regionale e aspirante ad un seggio per Palazzo Madama) fosse arrivato al punto di “raccogliere l’appello di Margaret Cittadino (segr. prov. CGIL per la sanità). Non che mi permetto di mettere in discussione il “personaggio Margaret Cittadino, ma solo per il fatto che io la vedo da sempre come una specie di bond-girl del sindacalismo nostrano, abbastanza retrò e necessariamente fondamentalista. Insomma quasi come il più noto Maurizio Landini (segr. nazionale FIOM-CGIL). Non so che tipo di appello si possa raccogliere e con quali prospettive di dialogo; comunque, considerato che questo giornale è aperto a tutti provvediamo a pubblicare integralmente il comunicato stampa dell’on. Donato Pica:<<Salerno – “E’ necessario un confronto immediato per verificare le condizioni e le prospettive sia del Ruggi che dell’ASL di Salerno, in un contesto regionale che vive di annunci ma che non dà risposte concrete – ha dichiarato il Consigliere regionale del Pd Donato Pica – a livello aziendale, confusione ed approssimazione, accompagnano la mancata applicazione del Decreto 49/2010 e dei piani attuativi, la carenza di personale è ormai insostenibile, nulla trapela circa gli adeguamenti immobiliari ed il ricambio di tecnologie ed attrezzature. Solo interventi sporadici, concentrati su determinate aree della Provincia evidentemente in vista delle elezioni politiche della prossima primavera. Occorre – ha concluso Pica – un’iniziativa immediata del PD e dell’opposizione in Regione Campania, una sorta di conferenza programmatica che individui le criticità e sappia definire ipotesi di lavoro concrete ed operative”>>.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.