il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Piazza Mazzini: chi mente ?

Da Roberto Celano (cons.com. FdI)

SALERNO – Celano: “De Luca, ormai, appare, ai più, una fiabesca crasi: un po’ Pinocchio ed un po’ Alice nel paese delle Meraviglie”. De Luca è ormai allo sbando… Riesce a negare perfino l’evidenza, non meritando più nessuna credibilità ed offendendo chi dissente da una gestione di sprechi, tasse e svendite che sta conducendo la città sul baratro del dissesto finanziario. Come si fa a dire che l’Amministrazione Comunale non intende far costruire su piazza Mazzini, alienando i diritti edificatori? Ma è possibile allora che nessuno abbia capito nulla? I giornalisti che hanno assistito alle concitate e dibattute adunanze consiliari hanno tutti scritto “falsità”?  Non risulta forse al Sindaco che abbiamo votato una variante urbanistica in cui venivano riconosciuti diritti edificatori in varie zone del centro cittadino, tra cui proprio a Piazza Mazzini, e che tali diritti sono poi  stati inseriti nel piano dei beni alienabili?  Se non c’è alcuna intenzione di fare edificare in piazza Mazzini, per quale motivo si è chiesto al Consiglio Comunale di approvare tali provvedimenti? Come mai nella delibera di aggiornamento del piano di alienazione è evidenziato un valore stimato  di circa 14 milioni di euro per i diritti edificatori di Piazza Mazzini? E la previsione di edificazione, verificabile in delibera, per 21.000 mq SLS per il parcheggio del Grand Hotel Salerno e per 18.000 mq SLS per piazza Mazzini è per caso anch’essa solo una visione ottica ed una invenzione dei “cafoni” di Salerno? Oramai è evidente che  il Sindaco di Salerno, nel tentativo di districarsi tra problemi non più superabili, conseguenza delle sua scellerata gestione, è costretto perfino a contraddire di continuo se stesso ed appare ormai, ai più, una fiabesca crasi:  un po’ Pinocchio ed un po’ Alice nel paese delle meraviglie!

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.