il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

SAN MATTEO: l’alzata del panno

laura la rocca (Da Don Alfonso D’Alessio)

SALERNO – Giovedì 21 agosto nella Chiesa Cattedrale dei Santi Matteo e Gregorio Magno in Salerno, con l’alzata del Panno, si darà inizio al cammino che condurrà la Comunità Diocesana di Salerno-Campagna-Acerno alla Festa del Patrono San Matteo Apostolo.

Nella circostanza sono previste:

- alle ore 19:00 la Celebrazione Eucaristica, in Cripta;

- alle ore 20:00 la Liturgia della Parola presieduta dall’ Arcivescovo Metropolita S.E. Mons. Luigi Moretti.

 

Tra gli appuntamenti più significativi ricordiamo:

- l’ omaggio floreale a San Matteo in Piazza Flavio Gioia, per celebrare il legame tra il Patrono e la Città di Salerno;

- la visita al Penitenziario, come segno concreto di vicinanza a chi è escluso ed emarginato;

- la Peregrinatio delle reliquie di San Matteo nelle parrocchie di Salerno Est, per rafforzare la comunione ecclesiale;

- la venerazione delle reliquie di San Matteo nella Caserma della Guardia di Finanza, per evidenziare il particolare legame con i militari della Finanza che lo venerano come Patrono;

- il solenne Triduo di preparazione presieduto dagli Ecc.mi Vescovi della Regione Campana.

 

Infine, Domenica 21 settembre, la Festa del Patrono San Matteo Apostolo si svolgerà nel seguente modo:

- alle ore 10:30, il Solenne Pontificale in Cattedrale;

- alle ore 18:00, la Solenne Processione per le vie della Città, per celebrale la venerazione del Patrono con la partecipazione del Clero, delle Istituzioni, delle Associazioni Laicali e del Popolo di Dio.

 

Come noto, di recente, la Conferenza Episcopale Campana ha emanato lo specifico documento Evangelizzare la pietà popolare. Norme per le feste religiose, con il quale intende regolamentare le feste religiose, ma specialmente salvaguardare e rilanciare in forma rinnovata le varie espressioni della pietà popolare.

Con apposito decreto del 4 ottobre 2013 entrato in vigore il 1 gennaio 2014, il nostro Arcivescovo ha recepito tali istanze, accogliendo peraltro suggerimenti e proposte provenienti dalle diverse componenti della Chiesa Salernitana.

In tale prospettiva, anche la consueta Processione del Santo Patrono sarà caratterizzata da alcune novità che, in sintonia con gli orientamenti dei Vescovi Campani, ne recuperano l’originario spirito di manifestazione pubblica della fede.

In questo senso vanno intese quelle indicazioni operative volte a favorire uno stile più consono al solenne evento religioso valorizzandone la tipica dignità di Celebrazione Liturgica.

Tutto ciò non solo non impedirà ma anzi favorirà una partecipazione più gioiosa e coerente con il senso religioso della Festa Patronale.

Alla luce di quanto sopra evidenziato, i momenti di preghiera itineranti saranno accompagnati dalla proclamazione di alcuni passi del Vangelo di Matteo e così articolati:

1 – Preghiera iniziale, in Cattedrale, prima di partire;

2 – Preghiera per i sofferenti, in Piazza Portanova;

3 – Preghiera per il mondo del lavoro e del mare, davanti al Palazzo della Provincia;

4 – Preghiera per gli operatori delle Istituzioni, davanti al Palazzo di Città;

5 – Preghiera di affidamento al Santo, sulle scale esterne della Cattedrale Primaziale, al rientro.

Con l’ occasione si ringraziano in anticipo tutti coloro che, accogliendo l’ invito a partecipare alla processione con atteggiamento realmente devoto, contribuiranno alla buona riuscita della Festa Patronale a beneficio della comunità ecclesiale e civile.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.