il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

COMITATO NO AL PETROLIO NEL VALLO DI DIANO

                                                 

Da Romina Valisena

SALA C. – Il Comitato No al Petrolio nel Vallo di Diano richiede alle quindici amministrazioni comunali del territorio  di voler procedere in tempi celeri alla  approvazione della Delibera o di Giunta o di Consiglio da inviare alla Regione Campania entro l’8 Ottobre affinchè la stessa impugni il Decreto SBLOCCA ITALIA.

I quindici Sindaci del territorio in uno con la Comunità Montana Vallo di Diano hanno già espresso parere contrario al Decreto in Conferenza dei Sindaci tenutasi a Padula la scorsa settimana, tuttavia, è necessario nonché urgente che ogni Comuni faccia propria la Delibera e la invii in Regione Campania.

Infatti  con la pubblicazione in «Gazzetta Ufficiale», numero 212 del 12 settembre 2014, del decreto-legge 133/2014 «Sblocca Italia » si fa esplicito riferimento all’applicazione concreta della Strategia Energetica Nazionale che prevede :

  1. che verrà dato il riconoscimento del carattere strategico praticamente di ogni infrastruttura legata agli idrocarburi: gassificatori, gasdotti, stoccaggi di gas nel sottosuolo, attività di prospezione e sfruttamento di giacimenti di idrocarburi;
  2. che la realizzazione di queste attività con procedure di pubblica utilità, urgenza e indifferibilità prevede l’ apposizione di vincolo preordinato all’esproprio dei terreni.
  3. che il titolo concessorio sarà unico, mentre ora i titoli sono due: permesso di ricerca e concessione di coltivazione. Un grande favore alle multinazionali che, una volta individuato un giacimento, potranno reclamare “un diritto acquisito” per lo sfruttamento del patrimonio dello Stato.
  4. che tutte le procedure di Valutazione di Impatto Ambientale per le attività di ricerca, prospezione ed  estrazione in terraferma saranno sottratte alle regioni e assegnate allo Stato, con conseguente accentramento dei poteri a discapito del diritto dei cittadini che abitano su territorio di far sentire la propria voce.
  5. che tutte le opere succitate, ivi compresi inceneritori e opere infrastrutturali ritenute strategiche e di pubblica utilità dai Ministeri  comporteranno  variazione  degli
    strumenti urbanistici e il rilascio dell’autorizzazione avrà effetto  di
    variante urbanistica.
  6. Inoltre il  decreto stabilisce che il Governo, in caso di  “inerzia” delle Regioni, avoca a sé i titoli  minerari pendenti (alla data di entrata in  vigore del presente Decreto Legge relativi alla prospezione, ricerca e coltivazione di  idrocarburi) di quelli cioè non definiti entro il  31 dicembre 2014 (comma 4  articolo 38). Trascorso “inutilmente” il  termine del 31 dicembre 2014, “la Regione deve trasmettere – recita il decreto – la  relativa documentazione al Ministero  dell’Ambiente della tutela del territorio e del  mare per i seguiti istruttori di competenza,  dandone notizia al Ministero dello sviluppo economico”

 

Pertanto chiediamo con forza ai Sindaci di inviare le Delibere al  Governatore della Regione Campania On. Stefano Caldoro,  affinché proceda alla convocazione immediata di un Consiglio regionale straordinario con la quale la Regione Campania  fa ricorso contro il D.L. n.133/2014 chiedendo la non conversione in Legge e  di impugnare per incostituzionalità lo stesso Decreto “ Sblocca Italia”;

Il Comitato No al Petrolio, invita inoltre tutti i presidi territoriali quali Il Comitato Nessun Dorma di Montesano sulla Marcellana, Diano in Piena, i Comitati del Cilento impegnati contro il Gasdotto ad intervenire con determinazione e tutti i partiti e movimenti politici del territorio ad intervenire a prendere una posizione netta sul Decreto Sblocca Italia  in quanto lo stesso riguarda tutte le opere energetiche ritenute strategiche, svincolandole dal potere decisionale di Comuni e Regioni, ed escludendo di fatto i cittadini e i loro più vicini rappresentanti dalla progettazione territoriale e dalla costruzione di una visione autonoma del proprio paese e della propria città. Questo decreto di fatto svilisce il senso e la denotazione della parola Politica togliendo ogni spazio di mediazione.

F.to: COMITATO NO AL PETROLIO NEL VALLO DI DIANO

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.