il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

La Dea di Morgantina

Michele D’Alessio

LAGONEGRO – Continua l’attività culturale dell’associazione “A castagna ra critica”. Il prossimo appuntamento si terrà a Lagonegro (PZ) nell’hotel ristorante “MIDI” (Viale Colombo) dove, sabato 30 gennaio alle ore 19.00, sarà presentato l’ultima opera letteraria di Emilio Sarli dal titolo “La Dea Morgantina – Il ritorno della Madre Terra”(editore Bonfirraro – 2015) alla presenza di: Milena Falabella (presidente associazione), Pietro Cusati (giornalista e critico letterario), Emilio Sarli (autore del libro), Luigi Beneduci (docente materie letterarie), Nicola Molinari (avvocato), Antonella Pellettieri (ricercatrice CNR).

Il nuovo libro di Emilio Sarli “La Dea di Morgantina, il ritorno della madre terra” edito per i tipi della Bonfirraro. Il libro di Emilio Sarli, unico nel suo genere, vuole mettere in risalto la presenza e il ritorno della Dea di Morgantina in Terre Sicule, dopo anni di esilio nel Paul Getty Museum di Malibu. Avvocato originario del salernitano (nato e vive a Padula),  lo storico e ricercatore Emilio Sarli ha qui sperimentato una prosa elegante e raffinata, divisa tra storia e leggenda, con un registro stilistico arcaico, perfettamente calato nel racconto.

«È narrazione di un nóstos singolare, del ritorno a casa della dea di Morgantina, di una mitica gemma sganciata dal castone di terra, costretta in mani furtive, peregrina per le botteghe d’oltralpe, esposta oltreoceano per il piacere degli occhi. Ora, dopo aver vagato per il mondo come Demetra a ritrovar la sua Kore, accende il cuore di Sicilia e lo sguardo impenetrabile e la prorompente bellezza delle sue forme seducono i mortali che scalano le creste degli Erei. Attraverso il percorso introspettivo del protagonista Alfeo Rosso, si districa la vicenda della dea di pietra, che sprofonda nel mito che spiega l’archè dell’universo, raggiunge l’età del bronzo e del ferro, si colora di poesia nei versi di Omero e Ovidio, diviene storia e sbarca il lettore nell’epopea di Ducezio e del sogno d’indipendenza dei siculi, delle guerre del Peloponneso e delle battaglie puniche».

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.