il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

PORTO: se va avanti la riforma bisogna bloccare Salerno,lo dice Amatruda

 

Da Gaetano Amatruda

SALERNO – Il porto di Salerno è un’eccellenza che va tutelata e difesa. L’ipotesi di riforma, che prevede di fatto l’accorpamento dell’autorità portuale di Salerno con Napoli, è da respingere con determinazione. L’ente che nascerebbe dalla riforma non migliorerebbe la funzionalità dei porti campani. Non risolverebbe nessun problema creandone invece di altri.

Mi auguro che il Ministro Delrio voglia sentire le ragioni della città, degli operatori del porto e dei lavoratori. Bisogna mettere in campo ogni iniziativa utile per scongiurare questa ipotesi e concentrarsi sulle reali necessità del comparto. 

Nel confronto con il Governo e nella conferenza Stato Regioni bisogna tenere il punto e lavorare ad alleanze più ampie.

Nel frattempo sul territorio bisogna continuare la battaglia senza subire il fascino della doppia morale della sinistra salernitana. Non possono lamentarsi qui ed andare a braccetto del Governo. Non ci serve l’ipocrisia. Non ci serve l’ipocrisia di certa politica ed il timido approccio dei sindacati.

Il centrodestra farà sentire la sua voce e parteciperà ad ogni tipo di iniziativa, anche le più dure, da avviare in tempi rapidi.

Se si accorpano i porti dobbiamo essere pronti a bloccare la città. In questi anni dalla Regione abbiamo garantito risorse come mai era avvenuto nel passato. Da altri chiacchiere mentre noi abbiamo, con una intelligente programmazione, destinato ingenti fondi europei. 

Abbiamo le carte in regole per parlare e per scendere in piazza. Oggi difendiamo il porto e da domani vogliamo avviare una riflessione sullo sviluppo e sul futuro dell’infrastruttura.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.