il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

SANITA’: sui problemi dell’ospedale di Polla interviene Di Brizzi … e Cartolano ?

 

La redazione

 

VALLO di DIANO – Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, l’intervento di Valentino Di Brizzi (coordinatore di F.I. per il Vallo di Diano) sulle problematiche che attanagliano il presidio ospedaliero “L. Curto” di Polla e, forse, un po’ troppo amplificati nel corso della recente conferenza stampa dei rappresentanti del Codacons territoriale. Il coordinatore Di Brizzi fa riferimento ad un precedente intervento di Mimmo Cartolano (coordinatore territoriale del PD) che questa redazione non ha ricevuto. Avremmo volentieri pubblicato, per un giusto equilibrio comunicazionale, anche il pensiero di Cartolano ma evidentemente quest’ultimo non conosce l’esistenza di questo giornale. Ecco l’intervento di Valentino Di Brizzi: Ancora una volta il coordinatore del PD Vallo di Diano, nelle sue dichiarazioni rilasciate alla stampa in merito alla paventata “Chiusura dell’Ospedale di Polla” si riconferma nell’esercitare lo sport preferito del PD “guardare la pagliuzza negli occhi degli altri e dimenticare la trave nei propri” Questo è quanto dichiara il Vice Coordinatore Provinciale di Forza Italia Salerno – Valentino Di Brizzi Non è mia intenzione portare le difese sull’operato del Presidente Caldoro, che da solo sa ben rispondere alle accuse rivolteGli dal coordinatore PD del Vallo di Diano. afferma DI BRIZZI- Sull’argomento, però, basta ricordare la situazione di emergenza, che il Presidente Caldoro ha dovuto affrontare fin dal primissimo giorno del Suo insediamento in Regione Campania, quando si è trovato ad affrontare e risanare emergenze come il caos rifiuti e lo stessa grave situazione della Sanità, ecc… lasciate in eredità dal disastroso decennio Bassolino (che il PD ha onorato con una sontuosa manifestazione concedendoGli la cittadinanza onoraria a Padula). Ma lo sport preferito del PD – continua il Vice Coordinatore Provinciale di Forza Italia – resta quello di lanciare accuse e puntare il dito sui propri predecessori, qualche volta, come è accaduto nel caso della viabilità, addirittura dimenticando che chi li aveva preceduti erano loro stessi. La politica del territorio certamente deve stare attenta affinchè si possa, in tutti i modi, lasciare che il Luigi Curto resti DEA di primo livello. Ed in questo senso ci eravamo mossisollecitando la revisione della programmazione all’On. Michele Schiano.  Una revisione che già da tempo era possibile al neo eletto Presidente De Luca ed al suo Consigliere Coscioni, che per ora, per il tramite di Cartolano, ci fanno pervenire solo promesse. Attendiamo dunque, con interesse – continua Valentino Di Brizzi –la notizia che finalmente, per una volta, le promesse diventino fatti e che l’interesse dell’attuale giunta regionale non venga riservato solo, come è stato nell’ultimo anno, alla distribuzione di incarichi a destra e a manca a tutti i fedelissimi del Presidente, ma si dedichi a risolvere una serie di problematiche esistenti soprattutto in un territorio marginale come il nostro, visto che il suo operare è reso più semplice dall’aver trovato una Regione rispettata in Europa e con i conti in regola. Speriamo, dunque, che le promesse che ci ha fatto Cartolano per l’Ospedale non facciano la fine di quelle che la Sua Amministrazione Comunale ci ha riservato per il Tribunale di Sala Consilina. Quello sì, “caro Mimmo” è stato uno schiaffo selvaggio, una moritificazione ed un’offesa al nostro territorio, consumato addirittura nel silenzio di una delibera di giunta del Comune di Sala Consilina, al cui tavolo sedevi. Oggi , però, che il PD governa a livello nazionale, regionale, provinciale e siamo in una fase di revisione della geografia giudiziaria, oltre ad occuparci di Sanità, cosa molto importante, sarebbe anche il caso di far valere le proprie potenzialità e trovare il modo di riportare il Tribunale a Sala Consilina, nella Corte d’Appello di Salerno, facendo in modo, così che non solo venga restituito il maltolto ricevuto dall’allora Presidente Letta (che più volte avete portato a spasso nel Vallo di Diano), ma anche che si eviti il rischio di perdere la Corte d’Appello di Salerno. Lanciare accuse con spavalderia, quando si è consapevoli dei macigni che si hanno sulla coscienza, non fa onore né a chi le fa né ai cittadini elettori che le ascoltano. Fare politica in questo modo, cavalcando una situazione, ai soli fini di propaganda politica e forse anche per nascondere 1000 altre situazioni che è meglio non far conoscere, è grave e non può e non deve essere seguito. Basta, dunque, – termina Di Brizzi – con l’esercizio preferito del PD di “puntare il dito” e scaricare le responsabilità, i cittadini ora aspettano che il braccio venga alzato solo per “rimboccarsi le maniche”. Rimaniamo, quindi, in attesa di un segnale da parte del coordinatore PD del Vallo di Diano.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.