il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

DAVIMEDIA: GIULIO SCARPATI all’UNISA

Di Giovanna Naddeo

FISCIANO – Prosegue il calendario di appuntamenti a cura di Davimedia – progetto culturale promosso dal Corso di Laurea DAViMuS (Arti Visive, Musica e Spettacolo) della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università degli Studi di Salerno.

Venerdì 18 marzo 2016, alle ore 11:15, presso il Teatro di Ateneo, Davimedia ospiterà l’attore Giulio Scarpati.

Divenuto celebre sul piccolo schermo per il ruolo del dottor Lele Martini nella fortunata serie tv Rai “Un medico in famiglia”, in realtà Giulio Scarpati vanta una lunga carriera che spazia dal teatro al cinema, alla televisione.

Numerosi i premi ricevuti quali il Premio “De Sica” e il Premio “Sacher d’oro” (1989) come Miglior Attore per  “Roma, Paris, Barcellona”; nel 1992 risulta vincitore del “Premio Cinema e Società” come miglior attore per il film “Mario, Maria e Mario” di Ettore Scola, nonché nel 1994 vince il  David di Donatello per il miglior attore del film “Il giudice ragazzino”.

L’attore sarà ospite del Teatro di Ateneo in un incontro-dibattito con gli studenti del campus.

Inoltre, da giovedì 17 a domenica 20 marzo, Scarpati sarà al Teatro Verdi di Salerno con  “Una giornata particolare” per la regia di Nora Venturini.

In scena sul palco del teatro cittadino salernitano, Giulio Scarpati e Valeria Solarino, protagonisti della nota commedia di Ettore Scola, già intepretata da Sofia Loren e Marcello Mastroianni nell’omonima pellicola nel 1977; pellicola vincitrice di un Golden Globe quale miglior film straniero.

Fuori il mondo, un grande evento storico che fa da sfondo a due piccole storie personali in una giornata che sarà particolare per tutti: per Gabriele, per Antonietta, per la sua famiglia che si reca alla parata, per gli Italiani che festeggiano l’incontro tra Mussolini e Hitler, senza sapere quanto fatale sarà per i destini del Paese.

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.