il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Comunali 2016: le cinque città di Cammarota

Maddalena Mascolo

SALERNO – E’ stato un vero e proprio bagno di folla per Antonio Cammarota e l’inaugurazione del comitato elettorale di via Petrone (30 aprile 2016) si è trasformata subito in un grosso successo pre-elettorale. “Dopo la città del Mare e del Lavoro con La Città della Partecipazione” si completa il progetto Salerno coltivato in anni di incontri e di proposte in consiglio comunale, afferma il candidato sindaco. Naturalmente ci sarà sempre qualche detrattore in grado di trovare punti e momenti da rimproverare a Cammarota, ma di una cosa sicuramente lo stesso candidat-sindaco potrà andare sempre fiero: la costanza e la determinazione politica, tutta rivolta al bene del prossimo ed al servizio della gente. Ma cosa propone, oggi, il candidato sindaco Antonio Cammarota; la risposta è semplice e può essere racchiusa nei seguenti punti qualificanti:

LA CITTA’ DELLA TRASPARENZA E DEI DIRITTI: Diretta televisiva per Consigli Comunali, Commissioni Consiliari, Giunta, Pubblicazione on line di tutti gli atti amministrativi, accesso agli atti semplificato; Referendum comunale consultivo e abrogativo, Iniziativa popolare per ordini del giorno, Circoscrizioni istituzionali elettive gratuite al posto dei comitati di quartiere privati
Registro comunale delle associazioni e bando pubblico per i contributi, Portale Comune Salerno e App, connettività e wifi gratuiti, Salerno Card per accedere a servizi – atti – pagamento tariffe e sanzioni, Baratto amministrativo.

 
LA CITTA’ DELLA MOBILITA’ E DELL’URBANISTICA SOCIALE: Stop al cemento privato su suolo vergine, urbanistica sociale e partecipata con riqualificazione dell’identità.
Servizio navette città di Salerno da Arechi, Ligea, Fratte, chiusura del traffico al centro sabato e domenica pomeriggio.

 
LA CITTA’ DELLO SPORT: Riattazione delle strutture di quartiere con cooperative sociali e investitori privati, bandi ad evidenza pubblica, riapertura del “Vestuti” alle società di calcio, utilizzo del “Volpe” oggi affidato gratuitamente solo alla Salernitana Calcio.

 
LA CITTA’ DELLA SOLIDARIETA’: La casa del clochard, dormitorio pubblico in uno dei tanti edifici comunali inutilizzati.  Istituzionalizzazione della Mensa dei Poveri, eventi per la raccolta popolare e nei supermercati , Mille telecamere segnalate e visibili per l’intero territorio comunale per la prevenzione, dissuasione, repressione. Guardie Ambientali con funzioni di supporto e segnalazione all’autorità.

 
LA CITTA’ DELLA CULTURA: Accanto al Teatro Verdi istituire una leva teatrale gratuita nel Teatro Ghirelli, finalmente di tutti, per le compagnie amatoriali della città con la possibilità di uno spettacolo pubblico gratuito.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.