il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Scontro centrodestra-industriali, Zitarosa: “Quelle non sono parole di Celano. Non condivido posizioni destabilizzanti”


La redazione

SALERNO – Riceviamo e pubblichiamo la nota di Giuseppe Zitarosa in merito alla polemica tra Maccauro e Amatruda/Celano: “”Conosco Roberto Celano da quindici anni e quelle che abbiamo letto sulle pagine dei giornali non sono parole sue. Non le avrebbe mai pronunciate da persona equilibrata com’è. Roberto è un uomo con i piedi per terra e con il metro in tasca». Interviene così Giuseppe Zitarosa, capogruppo Fi al consiglio comunale di Salerno e candidato come capolista nella lista Forza Italia alle prossime elezioni comunali, relativamente alla polemica innescata in queste ore fra una parte del centrodestra e Camera di Commercio, Industriali e Costruttori salernitani. Queste associazioni e i loro associati trainano l’economica locale, proiettando il nostro stato di salute economico a livello nazionale. Le loro aziende garantiscono lavoro a migliaia di lavoratori e alle loro famiglie. Ritengo quindi necessario abbassare i toni e non rilasciare dichiarazioni personalistiche da parte di chi parla per sé e non per il partito. È necessario pesare le parole ancor più in questo delicato momento di campagna elettorale, dove ogni messaggio può essere frainteso. Non condivido posizioni destabilizzanti. E ritengo inutile essere ipocriti. Noi dobbiamo guardare in faccia alla realtà e ricordare che quando c’era Caldoro questi stessi interlocutori si confrontavano – come era giusto – con l’ex governatore. Ritengo, quindi, assurda questa polemica. Noi del centrodestra dobbiamo continuare nel nostro lavoro di confronto con tutte le istituzioni e creare un’alternativa a chi governa. Poi ognuno quando va a votare sa qual è il proprio vero orientamento. Quindi, meno polemiche e più confronto con una categoria a noi vicina””.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.