il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

“ Che brutta gente “: il divertimento è servito!

Di Giovanna Nadddeo

Dopo il grande successo riscosso a Vietri sul Mare lo scorso luglio, la commedia  “Che brutta gente” scritta, diretta e interpretata da un giovanissimo regista in erba, Francesco Ronca (classe 1999), sarà in scena il prossimo 23 agosto 2016, alle ore 20.30, presso il Teatro Centro Sociale di Battipaglia.

Lo spettacolo, adatto a grandi e piccini, è garanzia di divertimento; si tratta, infatti, di una commedia napoletana divertente e frizzante, condita con un pizzico di mistero.

<< Sembra strano a dirsi ma “Che brutta gente” nasce…per caso!  Casualmente, infatti, ho cominciato a cimentarmi con un testo teatrale e, ispirandomi alla scrittura e alla regia di Vincenzo Salemme, pian piano mi sono accorto che stava nascendo una storia interessante. >> ha affermato il regista << Certo, le difficoltà sono state e sono tuttora tante. Purtroppo oggigiorno in Italia il teatro sta sempre più scomparendo e difficilmente si trova  qualcuno che ci apra le porte.  Per non parlare dei costi. Tuttavia, dopo il successo della prima a Vietri, siamo tutti entusiasti di questa seconda replica! >>

Attorno al protagonista maschile, il simpatico “Filuccio”, interpretato dallo stesso regista, ruotano le vicende di tanti divertenti personaggi: il commissario strampalato, interpretato dal regista e attore Claudio Collano; lo zio svampito, che ha il volto di Lucio Provenza; la moglie intraprendente, interpretata da Giovanna Naddeo; il giovane Pietro Sarlo nei panni del misterioso Okaka; Giggino, amico buffo e approfittatore, interpretato da Riccardo Caliendo; la sorella “iettatrice” interpretata da Angela Giordano; Luca Garelli nei panni del carabiniere imbranato.

Scenografia a cura di Dario Simone e musica inedita composta dal maestro Felice D’Amico.

Uno spettacolo da non perdere, all’insegna dell’allegria e del mistero!

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.