il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

SANITA’: Intervento chirurgico su paziente di 4 anni, un altro caso di “Buona Sanità”

Da Carmelo Ventre

SALERNO – La Direzione Strategica della Azienda Ospedaliero Universitaria di Salerno ha ricevuto una lettera in cui dei genitori ringraziano il personale medico e paramedico di tutto il nosocomio per la qualità delle cure e dell’assistenza prestata alla loro figlia durante il periodo del ricovero al Ruggi.

Questi i fatti: venerdì 26 agosto è giunta al Pronto Soccorso una bambina di 4 anni con dolore addominale persistente.

Immediatamente sono stati avviati gli accertamenti del caso che hanno evidenziato una grossa massa addominale di pertinenza ovarica, e di probabile natura tumorale ovarica.

Lo staff medico, dopo aver reso edotta la famiglia della situazione, ha deciso di intervenire chirurgicamente ed è stata allestita una equipe multidisciplinare composta dal dott. Umberto Ferrentino, Responsabile della SSD Chirurgia d’Urgenza, e dai dott. D’Alesio, Polichetti, De Angelis, Perciato oltre agli infermieri della sala operatoria di urgenza.

L’integrazione delle singole competenze dei chirurghi del dipartimento materno infantile e di altri specialisti ha permesso l’esecuzione ottimale dell’intervento in modo da rimuovere la massa senza compromettere la fertilità della paziente una volta adulta.

La piccola è stata già dimessa in buone condizioni di salute mentre si è in attesa dell’esito dell’esame istologico. Quando sarà confermata la natura benigna della lesione, già appurata con l’istologico immediato di sala operatoria, i sanitari potranno dichiararla completamente guarita.

Ancora una volta si può felicemente affermare che il lavoro di gruppo paga e che una buona gestione clinica, fatta di prontezza della diagnosi, integrazione del circuito emergenziale e capacità chirurgica giocano un ruolo fondamentale per il buon esito di ogni intervento.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.