il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Raccolta differenziata: il martedi è il giorno dello slalom tra i rifiuti

Ennio Sica

SALERNO  - Il martedi mattina passeggiare sui marciapiedi cittadini è un vero e proprio slalom tra bustoni neri pieni di ogni genere di rifiuto, perché a seconda dei rioni cittadini, come da calendario comunale, il lunedi sera o il martedi mattina, si conferiscono i cosiddetti “rifiuti indifferenziati”.

Ormai da tempo conferire “l’indifferenziato” è sinonimo di gettare ogni genere di rifiuto in grandi bustoni neri, violando il regolamento comunale che impone la raccolta differenziata dei rifiuti e partecipando attivamente all’inquinamento dell’ambiente che ci circonda. Inoltre, chi decide di non differenziare i propri rifiuti deve essere consapevole che questa scelta scellerata porta anche all’aumento dei costi di smaltimento per il comune, e di conseguenza all’aumento della TaRi, ovvero della Tassa sui Rifiuti che varia a seconda se si è una famiglia, un ristorante o un laboratorio artigianale.

Addirittura c’è chi non aspetta il giorno di conferimento, depositando i grandi bustoni neri che occultano il loro contenuto direttamente nei pressi delle campane del vetro, creando delle piccole discariche di ogni genere di rifiuto. Un problema che perdura nel tempo e che dilaga non trovando mai un rimedio, la dimostrazione palese che c’è bisogno di intervenire in tempi celeri affinché il fenomeno si estingua, iniziando magari con delle campagne di sensibilizzazione per far capire che il rifiuto è una risorsa che se gestita bene crea benefici a tutta la comunità.

Oltre alla sensibilizzazione però sarebbe auspicabile vedere una collaborazione fattiva tra gli addetti al ritiro dei rifiuti e la polizia municipale, in modo da avere in tempo reale la situazione dei conferimenti sull’intero territorio cittadino, producendo interventi sanzionatori mirati sui condomini o sulle attività commerciali inadempienti.

Chiunque può notare che in quei bustoni neri viene celato di tutto, e che comunque vengono ritirati e portati in discarica, una pratica che andrebbe immediatamente bloccata.

“Indifferenziata” non vuol dire non fare la raccolta differenziata, bensì conferire quei piccoli rifiuti che non vengono differenziati negli altri giorni della settimana, come si fa con la carta, la plastica, l’umido o i metalli, inoltre per gli oggetti più ingombranti come i materassi, gli armadi, i televisori, c’è la possibilità di disfarsene gratuitamente prenotandone il ritiro al numero verde 800563387 .

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.