il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

FARMACIA DI MURIA: UN CONSIGLIO AL GIORNO I PROBIOTICI

 

Farmacia del Dottor Di Muria Padula SA

Nel 2001 l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha definito i probiotici come “colture di microrganismi vivi che, quando ingerite in quantità adeguate, conferiscono benefici in termine di salute”.

Il tratto gastrointestinale dà alloggio a un complesso ecosistema batterico chiamato microflora intestinale, che può contenere sia batteri “buoni”, come i lattobacilli ed i bifidobatteri, che “cattivi”, come Salmonella, Candida, Proteus ed altri.

Quando la microflora intestinale non è bilanciata può avere un impatto negativo sulla salute generale. I fattori che possono alterare il microsistema intestinale sono: antibiotici ed altri farmaci; infezioni microbiche; dieta ricca di carne e/o zucchero e povera di fibre; diarrea cronica; stress.

Alterazioni della flora intestinale, dette disbiosi, possono provocare fenomeni di malassorbimento , allergie o intolleranze alimentari, disfunzioni fisiologiche, come la sindrome dell’intestino irritabile, maggiore suscettibilità alle infezioni. I probiotici tengono sotto controllo i batteri “cattivi”, aiutando a restaurare l’equilibrio naturale della microflora intestinale. Per espletare la loro azione essi devono: resistere all’azione dei succhi gastrici, enzimi intestinali e sali biliari; non dare reazioni nocive; essere in grado di aderire alle cellule intestinale e colonizzarle ottimizzando la funzione del colon.

I batteri probiotici sono in grado di promuovere le difese immunitarie dell’ospite modulando la risposta all’attacco da parte dei patogeni e riducendo le reazioni di ipersensibilità. La somministrazione orale di lattobacilli aumenta la resistenza non specifica dell’ospite.

Studi condotti con la contemporanea assunzione di probiotici, in particolare Saccaomyces boulardii e Lactobacillus ramnosus hanno dimostrato una riduzione superiore al 50% dell’incidenza della diarrea associata all’uso di antibiotici. E’ stato inoltre accertato che la somministrazione di Lactobacillus casei riduce durata e gravità della gastroenterite acuta dell’infanzia. I probiotici andrebbero assunti a digiuno, quando è più bassa l’acidità dello stomaco. L’utilizzo si consiglia per un periodo di almeno 3-4 settimane.

In generale queste sostanze possono essere considerate sicure, ma potenziali rischi possono verificarsi per persone affette da patologie disabilitanti o da deficit immunitari: in tal caso i batteri potrebbero proliferare in maniera incontrollata.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.