il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Padula Bella

La redazione

PADULA – Abbiamo ricevuto e volentieri pubblichiamo una stupenda poesia scritta dal poeta-scrittore Mario Salvatore Senatore, padulese doc e salernitano di adozione:
Il vernacolo consente al Poeta di esplicitare stati d’animo lievi, appassionati, rarefatti con mezze tinte e colori sfioccanti, come il sole che abbaglia e la luna che, sfinita, trema nella penombra di un altalenante gioco di luci, ombre e tenebre arcane.
Quello di Mario Senatore è un canto d’amore che ci annoda e svanisce… lontano.
Luigi Crescibene

‘O Vallo ‘e Riano è n’a terra bella assai
c’a nunn’a truov a nisciuna parte , a rò vai, vai!
(E chi c’è nato, nun sa scorda mai…
c’a campasse a Caracca, a Bruckulin o a Shangai…).

Paise e paisiell,
tutt’attuorn fann n’aniell

e mmiezz’a sta curona
stai tu, Parula mia, comm n’a “matrona”.

Assumigli quasi a n’a maruca
ma, ancora ‘e cchiù, a n’a grossa tartaruca…

E invece sai che ssì? … N’a nobbile Signora,
linda, pinta e prufummata a ogn’ora.

Te ne stai affacciata a stu’ “balcone”,
appuggiata, c’u ‘e rine, a ‘u muntagnone.

Te guarde attuorn cumm n’a reggina
c’u ‘a capa tesa e ‘a mente supraffina…

Fai bbella mostra ‘e tutti stì giuiell
c’a te cummogliene ‘a chiana, chiazzolle e vicariell.

Case bbelle, c’u’ facciate, balcuni e purtuni antichi
ricevono ‘a ggente pell’accumpagnà p’e vichi.

E p’e tterra allisciato è ‘o selciato,
p’o miliardo ‘e passe c’a zapariato.

‘O salotto tuio stà ‘ncoppa ‘e fuoss’
e llà nunn’esiste primme, urdime e “boss”.

‘A funtana d’e’ Mierl è abbascia ‘a scesa,
vers ‘a chiana, comm ‘a n’a mano tesa…

Te renne omaggio peffino ‘a Certosa
degna arrapresentante ‘e stà terra ubertosa.

Cchiù llà è ‘a Starza urdinata e curata
che ‘a ate reggione ha purtato n’a ventata.

‘A coppa ‘a terrazza ‘e Santo Pietro Caruto
pare ‘e vedé n’u piezzo ‘e paravise ‘nderra venuto…

‘mpiero a tte è tutto n’u tappeto arricamato:
‘e case, arbere, jumare e viarelle punteggiato.

Luntano,’e cunfini tuie, sta n’a bella Marunnella,
c’a te guarda e prutegge comm’ n’a mammarella.

E mica ce putimmo scurdà d’o monte Romito,
c’a ogn’anno a tutto ‘o munno fa ll’invito

‘e sagliere ‘ncoppa core a core
p’e magnà, prià e… … fa ll’ammore!

Tu, Parula bella, te paparie ‘a ‘o sole ‘e luglio
e ‘o vierno c’u n’a coltra janche te cummuoglio.

Muntagne e muntagnelle, tutt’attuorne, te stanno a guardà
e peffino Cervati, luntano, s’aiza pe t’ammirà.

‘nzomma a rò te gir e a rò te vuò vutà
‘mbraccio a tté truvammo finezza, pulizia e dignità.

I figli tuie song onest e ‘ntraprendenti
pure se ogni tanto s’incontrano i … “fetenti”!

P’e tutto ‘o munno ‘ann purtato prugresso e civiltà
e ‘a tutt quant se so fatte stimà, apprezzà e amà!

E pure se so n’u poco spaccuni
rint’o pietto hann’o core ‘e liuni!

I figli tuie t’hanno dato semp’ onore!
Pe tté, Parula mia, se campa e se more…
Mario Senatore

Tratta dal libro di poesie “Gocce di Cielo” dello stesso Autore. – E-MAIL: masenatore@yahoo.it

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.