il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

AL MEETING DI CASSA CENTRALE BANCA APPREZZAMENTI PER LA BCC DI AQUARA

 

Da Katja Taurone

MILANO –

Grande partecipazione al Meeting “Territori, Persone, Valori” organizzato mercoledì scorso a

Milano dal gruppo Cassa Centrale Banca con la partecipazione della Banca d’Italia. L’evento,

ricco di magistrali interventi, è stata l’occasione per fare il punto sullo stato di avanzamento

lavori del progetto di costituzione del Gruppo Bancario Cooperativo Trentino, a cui la BCC di

Aquara ha aderito sin dal principio, condividendone obiettivi e sposandone le metodologie di

perseguimento degli stessi.

Durante l’incontro, che ha riunito oltre 800 delegati delle 110 Banche di Credito Cooperativo,

Raiffeisen e Casse Rurali che hanno aderito al progetto, è stato dato mandato ufficiale a Cassa

Centrale di prelevare dai loro conti le somme necessarie per l’aumento di capitale: 700 milioni

in contanti. Con questo passaggio il Gruppo è diventato realtà, una realtà che porterà a

presentare l’istanza autorizzativa a inizio 2018. Accanto alla rappresentanza numericamente

straordinaria e qualificata del parterre su citato ha dato valore aggiunto al meeting e agli

interventi degli esponenti di Cassa Centrale Banca la presenza di quattro relatori in

rappresentanza di Banca D’Italia: Ciro Vacca, Maria Antonietta Antonicelli, Graziano

Grasso ed Eliana Ferrara, che hanno ripercorso tappe, obiettivi e tempi del progetto.

Cassa Centrale Banca si collocherà all’ottavo posto tra i Gruppi Bancari e tra i più solidi. I

numeri sono di assoluto prestigio. Hanno aderito 110 banche di credito cooperativo che in

totale gestiscono circa 1.600 filiali in tutta Italia (Sardegna esclusa), oltre 11.000

collaboratori, un patrimonio di 7 miliardi di euro, un CET 1 Ratio del 17,20%, circa 77 miliardi

di attivi ed impieghi per 47 miliardi. Numeri che confermano la volontà di vivere questa fase

storica di cambiamento da protagonisti, costruendo un modello innovativo di Banche di

Credito Cooperativo. Per il Presidente Giorgio Fracalossi è questa una grande vittoria, una

sfida ampiamente vinta e in tempi record, ribadendo con forza la concretezza di questo nuovo

Gruppo Bancario. Mario Sartori Direttore Generale del Gruppo Cassa Centrale Banca ha

ribadito: “abbiamo fatto oggettivamente molta strada ma non basta, dobbiamo puntare

all’eccellenza, nell’interesse delle nostre BCC e di tutta la nostra gente” non mancando di

palesare pubblici apprezzamenti sull’operato svolto sinora dalla BCC di Aquara, avendo

avuto modo di testare con mano – durante i recenti festeggiamenti del quarantennale del

credito cooperativo aquarese di cui Sartori è stato ospite – capacità, forte radicamento

territoriale e i progressi costanti raggiunti dalla stessa nel corso degli anni “La BCC di Aquara

rappresenta un valido esempio da seguire per le consorelle del credito cooperativo: per il suo

operare all’insegna dell’ascolto, per l’integerrimo rispetto delle norme, per la professionalità con

cui opera, atta ad incarnare principi fondamentali quali la coesione sociale e la crescita

responsabile e sostenibile del suo territorio d’azione”.

Al meeting hanno partecipato, in rappresentanza della BCC di Aquara, il presidente Luigi

Scorziello, il direttore generale Antonio Marino e Nicola Pagano, responsabile dei sistemi

informatici.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.