il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Luci d’artista: Amatruda, si accendano le luci d’artista e quelle su affidamenti diretti e bandoGli esclusi di oggi esistevano anche negli anni degli affidamenti diretti

 

La redazione

 

SALERNO – “L’auspicio e’ che l’Amministrazione comunale di Salerno possa trovare una soluzione per la vicenda Luci d’Artista. Sarà necessario percorrere tutte le strade, naturalmente nella cornice normativa e con massima trasparenza. L’auspicio e’che si accendano le luci d’artista e le luci di chi, in questi anni, ha tollerato troppe zone d’ombra”. Così Gaetano Amatruda, vice coordinatore provinciale di Forza Italia Salerno dopo l’azione avviata dal TAR.

 ”Il tema non è l’atto di impugnativa del TAR, il tema – sottolinea – è quello della trasparenza che manca ed e’ mancata. In questi anni la distrazione di chi doveva controllare, e non lo ha fatto, ha avviato un vero e proprio corto circuito. Le ditte escluse questo anno, c’è un bando (procedura selettiva ad evidenza pubblica), esistevano anche prima. Quando la trattativa era, di fatto, privata. Non si capisce dunque con quale logica sia stato possibile procedere, per anni e anni, con un affidamento diretto. Sarebbe ora di accendere, qui si, davvero le luci”.

 ”Ed in attesa di accendere le luci d’artista la speranza e’che qualcuno possa contribuire a superare anche altre preoccupazioni. Nell’interesse dei cittadini e di una grande impresa che non merita sospetti. Il caso – conclude Amatruda – vuole che a vincere quest’anno sia la Iren. La stessa che ha ottenuto negli anni affidamenti diretti, la stessa che è socia del Comune, hanno la maggioranza, nella partecipata ‘Salerno Energia Vendite’, la stessa che si occuperà, al netto dei diversi comparti aziendali, anche delle balle. Qui più luce farebbe bene a tutti. Al Comune, alle forze politiche ed alle stesse imprese”.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.