il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

IL DIARIO DI ANNE FRANK rivive in un musical a cura della Compagnia Artisti Cilentani

da Giuseppe Galato

«Non sono passati neanche cento anni, in fondo, da quando lei si è dovuta nascondere in quel rifugio ad Amsterdam. Molte guerre ancora ci circondano e l’odio sta tornando a serpeggiare in Europa, ma da quel palco e da quel rifugio Anne tende la mano al pubblico per dire di non avere paura, di credere ancora nell’umanità come fino alla fine ha fatto lei, perché senza i sogni e la speranza nulla potrà mai cambiare veramente»

 Venerdì 26 gennaio, in occasione del Giorno della Memoria (la ricorrenza internazionale in ricordo delle vittime dell’Olocausto) la compagnia Artisti Cilentani ripropone, presso il teatro La Provvidenza di Vallo della Lucania, il musical “Anne Frank”, una messa in scena intensa ed emozionante che vede come protagonista una delle voci più conosciute della Shoah, un’icona tragica nota in tutto il mondo grazie alla traduzione del suo diario tradotto in sessanta lingue diverse.

 Lo spettacolo (con testi e liriche di Simona La Porta e Alina Di Polito, protagonista e regista della rappresentazione) si avvale della direzione musicale del maestro Mauro Navarra con i costumi di Giovanna Rizzo e Carmela Saturno.

 Sette gli attori protagonisti, Alina Di Polito (Anne Frank), Mariano Riccio (Otto Frank), Simona La Porta (Edith Frank), Rosita Celenta (Margot Frank) Gennaro Ciotola (Hermann Van Dann) Gioia Fusco (Auguste Van Daan) e Vincenzo Albano (Peter Van Daan) i quali faranno rivivere la vera storia di Anne, di quanto vissuto e provato durante la clandestinità, nel suo viaggio verso il campo di concentramento di Auschwitz e negli ultimi giorni della sua vita.

 Tanti i temi affrontati: la percezione della guerra, l’adolescenza, il rapporto genitori-figli, il primo amore, la cultura come antidoto alla follia.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.