il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Mimmo Volpe Candidato alla Camera collegio uninominale Campania 2/9 Battipaglia, Piana del Sele, Picentini, Alburni, Valle dell’Irno

da Stefania Battista

Un lunedì denso di incontri con la gente e gli amministratori locali quello di Mimmo Volpe che, nonostante il gelo climatico ha trovato ovunque una calorosa accoglienza. Da Salerno dove ha incontrato i giovani dei Picentini si è recato poi a Capaccio Pestum, quindi a Matinella ed infine ha chiuso il giro a Pagliarone.

“Adesso è tempo di agire creando una interconnessione che per anni è mancata tra lo Stato centrale e il nostro territorio attraverso un eletto, che peraltro consentirebbe di avvicinare la politica, quella sana e vera, ai cittadini. – ha detto Volpe nel suo discorso – Proprio in senso di riscoperta del valore del termine, io mi sto battendo affinché  proprio la politica torni nelle piazze, nei luoghi pubblici, tra la gente. Sto conducendo una campagna elettorale dove incontro la gente faccia a faccia, guardando negli occhi tutti senza distinzione di appartenenza politica, confrontandomi e discutendo quotidianamente. Non intendo accontentarmi del web, anche se purtroppo sembra che grossa parte della comunicazione si faccia proprio sulla piattaforma virtuale. Credo che il web invece deformi il linguaggio e distorca il modo di comportarsi, aspetto che rappresento attraverso un esempio esplicativo. – e racconta con semplicità quanto accaduto – Qualche settimana fa, mentre cercavo di articolare proprio su piattaforma social un discorso sul decreto sicurezza del ministro Minniti, evidenziandone gli aspetti positivi verso i poteri dati ai sindaci di agire, in maniera tale da rassicurare la cittadinanza rispetto ad un argomento molto sentito come la sicurezza personale e dei propri cari, mi trovo scritto in un post di risposta l’epiteto “ladro”. Ora mi chiedo come può una persona responsabile, combattere questo senso di stupidità? Proprio su questo aspetto io condanno Grillo, perché ha reso il confronto politico denso di  forti elementi di brutalità, con l’utilizzo di volgarità e offese gratuite. . A questo poi, c’è da aggiungere che usciamo da dieci anni di crisi economica profonda che ha divorato il risparmio delle famiglie.

Votarmi  significa avere un rappresentante del territorio sempre disponibile, pronto ad essere utilizzato. Nel mio giro elettorale raccolgo quotidianamente tanto consenso, proprio perché nell’amministrare le diverse realtà istituzionali la gente mi ha sempre trovato disponibile. Poi, se non mi votate il 4 marzo, state certi che mi continuerete a trovare al mio posto già dal giorno successivo. Amo dire a tutti: questa volta fatevi furbi, votate Volpe”- conclude con una battuta ironizzando sul proprio cognome. 

E questo pomeriggio altro incontro pubblico a Battipaglia, presso il centro di formazione Deca sport in via Sauro alle 19,00

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.