il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Presentazione a Salerno con discussione su “I 70 anni della Costituzione, gli 80 anni di un poeta” – Con Alfonso Amendola, Giuseppe Cacciatore, Alfonso De Nardo, Andrea Manzi e Rino Mele – Venerdì 13 aprile, ore 18, saletta Macchiaroli Libreria Internazionale, piazza XXIV Maggio, Salerno

 

La redazione

SALERNO – “I settant’anni della Carta, gli ottant’anni di un poeta”. Il numero 4-2018 di InfinitiMondi, bimestrale di pensieri di libertà diretto da Massimiliano Amato e Gianfranco Nappi, rende omaggio alla Costituzione nel settantesimo della sua entrata in vigore e a un protagonista della scena culturale salernitana da circa mezzo secolo: il poeta Rino Mele. La rivista, in distribuzione per abbonamento e nelle principali librerie della Campania, sarà presentata venerdì 13 aprile, alle ore 18, nella saletta Macchiaroli della Libreria Internazionale di Salerno, in piazza XXIV Maggio. Previsti gli interventi del professor Alfonso Amendola, dell’Università di Salerno, autore di un saggio sulla poesia di Mele, del professor Giuseppe Cacciatore, filosofo, docente emerito dell’Università di Napoli Federico II e Accademico dei Lincei, che ha scritto il saggio introduttivo della sezione dedicata al settantennale della Carta Costituzionale, del giornalista Andrea Manzi, che parlerà dell’ultima opera poetica di Mele, “Un grano di morfina per Freud”, finalista al Premio Viareggio, e dello stesso Mele, che a questo numero della rivista ha fatto dono di tre sue liriche inedite, dedicate al sequestro della giornalista Giuliana Sgrena, avvenuto in Iraq 13 anni fa. Alla discussione, coordinata dai due direttori della rivista, prenderà parte anche l’ingegnere Alfonso De Nardo, che ha scattato per questo numero un’impietosa istantanea delle leggi inutili che mettono in ginocchio i piccoli comuni italiani.

Gli editoriali del numero 4-2018 di InfinitiMondi sono dedicati ad un’analisi ad ampio spettro del risultato elettorale del 4 marzo. Negli interventi di Pietro Folena, Massimiliano Amato, Mena Diodato e Michele Mezza una disamina cruda e feroce dell’epocale débâcle della sinistra, messa all’angolo dai suoi cedimenti culturali e dagli aggressivi populismi che hanno fatto irruzione sulla scena politica italiana.

Nel Contemporaneo, InfinitiMondi cerca di stabilire un ponte con le origini della Repubblica, ospitando, oltre al saggio di Cacciatore, una raffinata analisi sul ruolo della nostra Carta nella storia del costituzionalismo europeo, affidata a Guido D’Agostino, storico della Federico II di Napoli e presidente dell’Istituto Campano per la Storia della Resistenza “Vera Lombardi”. Un saggio di Gianfranco Nappi sull’”impero del cibo” mette in guardia dalla minaccia rappresentata dal diffondersi di pratiche alimentari sbagliate (il cosiddetto “junk food”) tra i ceti meno abbienti, schiacciati dalla globalizzazione neoliberista e mercatista, mentre il giurista Alessandro Biamonte continua la riflessione, già avviata nei numeri precedenti, sulla necessità di una legislazione di “civilizzazione democratica” del web, contro la dittatura dell’algoritmo.

Il numero 4-2018 di InfinitiMondi riflette anche sulla “sparizione dell’architettura”, con un saggio di Alberto Cuomo, urbanista, professore emerito della Federico II, e sull’emergenza ambientale nella cosiddetta “Terra dei fuochi”, con un documentato reportage del giornalista Nico Pirozzi sullo sversamento dei rifiuti tossici e pericolosi nelle campagne della un tempo “Campania Felix”. L’inchiesta è accompagnata da un saggio di Antonio Malorni sull’innovazione tecnologica nella gestione del ciclo integrato dei rifiuti. Sulla “Nuova Programmazione dal basso”, coraggioso esperimento della metà degli anni Novanta, riflette un protagonista di quell’epoca, Osvaldo Cammarota, mentre la parte finale della rivista è dedicata a due protagonisti della scena pubblica campana recentemente scomparsi: lo storico esponente comunista Abdon Alinovi, ricordato da Luciano Volpe, e il giornalista Luigi Necco, commemorato da un collega che lo conosceva bene: Salvatore Biazzo.

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.