il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

“STORIE DI CLOWN IN CORSIA”

           

La redazione

CAVA de’ TIRRENI – Sarà presentato sabato 21 aprile, a partire dalle 18, presso il Salone di Rappresentanza di Palazzo di Città a Cava de’ Tirreni, il libro “Storie di Clown in Corsia”, dell’Associazione “Nasi Rossi – Clown Therapy”

            L’iniziativa,  patrocinata dal Comune di Cava de’ Tirreni, racconta le storie dei dottori dell’associazione che con un naso rosso da clown, incrociano il dolore, il pensiero, le emozioni, le paure di chi è costretto in un letto di ospedale, nelle strutture sanitarie per donare un sorriso a chi è in difficoltà.

            «E’ un libro che parla al cuore delle persone – ha spiegato Francesca Colombo, presidente di “Nasi Rossi – Clown Therapy” –. Il dolore, quando viene raccontato dagli operatori della solidarietà, è sempre un’esperienza che aiuta a cambiare la vita. Da qui è nata l’idea di raccogliere in un volume le nostre esperienze, quelle numerose fatte nei contesti ospedalieri, nelle case di riposo e nei luoghi del disagio».

            All’incontro, moderato dal giornalista Giuseppe Ferrara, saranno presenti il sindaco Vincenzo Servalli e le Consigliere comunali Paola Landi e Anna Padovano Sorrentino.

Interverranno: Francesca Colombo, presidente dell’associazione “Nasi Rossi – Clown Therapy”;

Basilio Malamisura, direttore dell’U.O. di Pediatria dell’ospedale di Cava de’ Tirreni; Rossella Bisogno, psicologa e clown dottore dell’associazione “Nasi Rossi – Clown Therapy”; Raffaele Giordano, cardiochirurgo pediatrico dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “Federico II” di Napoli.

            Gli interventi saranno accompagnati dalla lettura di alcuni brani del libro a cura dell’attrice Carolina Damiani e dalla proiezione di immagini che documentano le attività dei clown dottori.

            I proventi della vendita del libro saranno destinati alle attività di clown terapia negli ospedali.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.