il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

SALERNO: Una splendida città la sera senza cultura … e piazza Flavio Gioia ?

 

 

 

 

 

Aldo Bianchini

 

SALERNO – Sul quotidiano Il Mattino del 30.04.18 ho avuto modo di leggere un articolo molto bello firmato da Mariagiovanna Capone; in buona sostanza la giornalista denuncia la quasi totale assenza di eventi culturali in una bellissima e grandissima città come quella di Napoli.

            Bene, ho pensato, siamo almeno in buona compagnia; se a Napoli c’è l’assenza quasi totale per Salerno bisogna necessariamente togliere il quasi.

            Eppure Salerno ha una splendida location naturale che se curata nel modo giusto potrebbe assurgere a modello invidiato da tutt’Italia; parlo di Piazza Flavio Gioia (La Rotonda) nel cuore pulsante di Salerno ed a pochi passi da Piazza Portanova.

            La Rotonda, oltre che ad essere per tantissimi salernitani “la pietra del pese” dove ogni mattina c’era il mercato ittico, rappresenta un riferimento storico preciso perché in illo tempore era la piazza di accesso alla città posta com’era fuori della cinta muraria e naturalmente disponibile ad ospitare tutto e tutti.

            Da quando la piazza è stata completamente rifatta, merito dell’allora sindaco Vincenzo De Luca, è rimasta stranamente e drammaticamente vuota; non ci sono più le grida dei pescivendoli (mitici “pisciaiuoli” – pescatori) e neppure gli schiamazzi dei ragazzi col pallone (giustamente cacciati dai vigili urbani), ogni tanto e raramente si sente il gracidare di qualche altoparlante acceso o per un impegno politico o per qualche evento musicale e/o culturale. Poi è tutto un vuoto incolmabile con le antiche tradizioni salernitane scippate dal ventre della città in maniera piuttosto brutale.

            Ho scritto di Piazza Flavio Gioia per la prima volta il 6 maggio 2009 dopo essere stato una giornata intera in Piazza Campo de’ Fiori a Roma:

            “”Il sindaco De Luca nelle sue frequenti esternazioni mediatiche grida di “volere” una città europea, una città turistica, una città con la piazza più grande, una città con le fontane, una città con i marciapiedi, una città pulita, ecc. ecc.. Grida a vuoto il buon sindaco di Salerno, grida a vuoto perchè a Salerno mancano i contenitori popolari e culturali pubblici, e Lui fino a questo momento non è riuscito a darli, nonostante gli strepiti e le convenzioni !!. Ha avuto, certo, ottime idee come la ristrutturazione di Piazza Flavio Gioia (ex Rotonda) ma non si è accorto, e nessuno l’ha saputo consigliare, che nel ristrutturarla la svuotava di ogni contenuto. Doveva e può ancora essere la “piazza cult” di Salerno ma Lui non deve essere estremista e abolire con un colpo di spugna le tradizioni e il passato (anche confuso e molto popolare!!), perchè proprio in ciò deve essere trovato il punto di ripartenza. Penso e credo che qualche volta il nostro Sindaco sia stato a Roma ed abbia visitato anche “Piazza del  Campo de’ Fiori”. La mitica piazza cinquecentesca (e forse anche più antica…), sotto lo sguardo anche un pò scettico ma, comunque, benevolo di Bruno (lì arso vivo nel quindicesimo secolo) è una piazza dalla doppia identità che riesce a trasformarsi ogni giorno. Tutta la mattinata è convulsamente invasa da bancarelle di ogni tipo (caotiche, disordinate e anche sporche…), alla sera cambia pelle e d’incanto diventa uno dei poli attrattivi più importanti della capitale e, forse, del mondo. Artisti di strada, boemiene, musicanti, decine di ristorantini e una imponente folla di curiosi fino a notte fonda. Al mattino l’anima romanesca più popolare possibile (con donnne che sbucciano in diretta i fagiolini o le fave sotto l’obiettivo di telecamere e macchine fotografiche), a sera lo schopping e la cultura; e sempre turisti su turisti. Ecco basterebbe questo a Salerno, in piazza Flavio Gioia, per ridare alla city un rilancio effettivo al di là delle canoniche bancarelle della Fiera del Crocifisso e dei rari momenti in giro per i vicoli del centro storico, ma sempre e soltanto in occasioni preordinate e annuali. Piazza Flavio Gioia dovrebbe essere, invece, un centro mercatale e culturale al tempo stesso. Pensate al mattino ritorna il grido del pescivendolo e la sera la calma culturale di tantissimi eventi. Mi meraviglio che il prof. Apolito (anche se recentemente contestato nella sua stessa Università) non abbia mai suggerito al Sindaco una soluzione del genere che per essere pensata e partorita non necessità di una cattedra universitaria, basta andare a Roma””.

            Ricordo che a quell’articolo ci furono dei commenti, diversi e contrastanti; mi piace riportarne uno in special modo perché raccoglie e spiega al meglio il senso della mia proposta; il 7 maggio 2009  tale michelepasquale stoppò ogni polemica con questo commento: “”Evidentemente è proprio il non meglio identificato Enzo da Salerno a cercare (ma non ci riesce!!) a fare polemica. L’articolo di Bianchini (che non fa veline… come altri) secondo, me vuole essere solo un suggerimento per come utilizzare al meglio una piazza storica che è assodatamente un contenitore vuoto. Anzi Bianchini dice anche che De Luca ha avuto una grande idea nel ristrutturare la piazza ma che senza accorgersene l’ha lasciata vuota. Mi spieghi Enzo, se può, dov’è la polemica e in che cosa l’articolista ha distorto la realtà nella disperata ricerca di polemiche””.

            Sono passati nove anni e niente è cambiato; la brava Mariagiovanna Capone se ne faccia una ragione se la sua metropoli non ha eventi culturali serali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.