il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

“Vaccinarsi per la vita” – ASL Napoli 3 Sud e pediatri di famiglia della FIMP uniti per aumentare la protezione vaccinale dei neonati.Nasce un’alleanza a favore dei bambini per prevenire la meningite B e le infezioni da rotavirus

da Uff. Stampa

Napoli, 8 giugno 2018 – La sanità pubblica e i pediatri di libera scelta della sezione partenopea della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) si uniscono per informare le famiglie sui vaccini – sulla base dei dati scientifici e dando rassicurazioni contro le fake news – e per offrire attivamente ai bambini più piccoli alcune vaccinazioni. Questa “alleanza” a favore della prevenzione e della salute dei neonati prende il via ufficialmente oggi, realizzando un modello di collaborazione che potrà essere esteso alle altre realtà regionali. Alle ore 16, presso il Presidio Sanitario Bottazzi di Torre del Greco, viene infatti presentato il progetto sperimentale di offerta attiva e somministrazione diretta da parte del pediatra di famiglia delle vaccinazioni contro il rotavirus (responsabile potenzialmente di gravi forme di diarrea infantile che possono richiedere il ricovero) e contro il meningococco B (ceppo batterico in grado di provocare gravi forme di meningite, tra i più diffusi nel nostro Paese).
L’iniziativa, unica in Campania nel suo genere, si propone di fare da apripista per le altre realtà ed è fortemente voluta dalla ASL 3 Napoli SUD.

“Siamo chiamati ad affrontare sempre nuove sfide in un’offerta sanitaria in costante cambiamento e dobbiamo essere convinti, noi per primi, che la vaccinazione è uno strumento fondamentale per la salute, a tutte le età – commenta Antonietta Costantini, Direttore Generale della Asl Napoli 3. Con questo progetto, che vede ASL e pediatri di famiglia uniti per la salute dei bambini, vogliamo portare avanti la cultura della prevenzione e della vaccinazione, anche oltre quanto indicato dalla recente normativa. Prevenire infezioni come la gastroenterite da rotavirus o la meningite da meningococco B, per le quali esistono vaccinazioni fortemente raccomandate dal Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale 2017-2019, significa aiutare a proteggere i bambini, a rendere più tranquille le famiglie e ad evitare decessi, ricoveri e spese sanitarie che non hanno motivo di esistere proprio grazie alle vaccinazioni. Sono convinta che questo progetto avrà successo e diventerà un modello da esportare nelle altre AASSLL della nostra Regione”.

Sulla stessa lunghezza d’onda è il vice-presidente nazionale FIMP Antonio D’Avino. “Analoghe esperienze già avviate in altre regioni, ci dicono che il pediatra di famiglia non deve essere solamente la fonte dell’informazione per i neo-genitori sulla salute dei loro bambini, ma può diventare anche il sanitario che somministra le vaccinazioni, anche per evitare lunghe liste di attesa e sovraccarico di lavoro per i servizi di Igiene Pubblica – commenta. Pertanto, questa iniziativa, che vede il pediatra di famiglia in prima linea, favorisce una presa in carico globale dell’intero percorso di salute del bambino e, sotto l’aspetto organizzativo, aiuta a rendere più semplici e accettate le vaccinazioni per la famiglia, contribuendo in modo significativo a decongestionare i centri vaccinali della ASL”.

Il progetto si propone come modello per la sanità regionale con l’auspicio che si riesca a creare un circolo virtuoso attorno alle figure degli operatori dei centri vaccinali e dei pediatri di libera scelta, con l’unico obiettivo di migliorare la prevenzione anche attraverso la vaccinazione dei bambini. E’ fondamentale infatti garantire ai piccoli la certezza di non ammalarsi per malattie prevenibile con vaccini attraverso il raggiungimento della massima copertura vaccinale possibile, rispettando i tempi e i modi dettati dal Calendario Vaccinale per la Vita, insieme ai pediatri di famiglia che sul territorio informeranno ed offriranno le vaccinazioni alle famiglie.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.