il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

SANITA’: FINALMENTE L’ASL DI SALERNO CHE RISCHIAVA IL PIGNORAMENTO DEI BENI PAGA I PROPRI DEBITI ALL’ENI

di Alberto De Marco

SALERNO – L’ASL di Salerno, che continua ad essere “nell’occhio del ciclone”, destando l’attenzione e la criticità dei mass – media, per “il modus operandi” dei Dirigenti, “in primis” per avere erogato alle società che offrono i servizi sanitari, importi superiori a quelli stabiliti dalla Regione, nonché ai capitolati di appalti; lasciando il ragionevole dubbio di favoritismi, che in alcuni casi hanno ingenerato l’inchiesta giudiziaria della Procura della Repubblica, con ipotesi di reato per la gestione del denaro destinato ai centri privati e sul sistema di relazioni tra i Dirigenti pubblici ed imprenditori privati, con 39 Dirigenti ASL inquisiti, aveva in passato assunto atteggiamenti diversi e contradditori, di fronte a crediti certi, liquidi ed esigibili, è fondati su prova scritta, come si è verificato nei confronti del creditore ENI. Un esempio emblematico, in riferimento alle carte di carburante per la fornitura dei prodotti petroliferi alle auto di servizio degli Operatori dell’ASL per i fatti che risalgono al 2005 – 2006, nonostante la grande disponibilità a trattare, che manifestava lo studio legale romano dell’Avvocato Daniele Costi, Procuratore per i recuperi crediti dell’ENI, rappresentato a Salerno dall’Avvocato Alberto De Marco: L’ASL di Salerno aveva effettuato soltanto due pagamenti: nel 2010 di 18 mila euro e nel 2013 di circa 5 mila euro, portando la propria somma debitoria ad oltre 56 mila euro. Lo studio legale dell’Avvocato Daniele Costi, dopo avere esperito tutte le procedure, attraverso il Decreto Ingiuntivo del 18 giugno 2015. Depositava la richiesta di Esecutorietà in data 26 maggio 2016, poi successivamente ridepositava il 12 aprile 2018, alle quali l’ASL di Salerno non si opponeva in giudizio e continuava a non pagare i debiti all’ENI. Pertanto lo studio legale Costi in data 6 giugno 2018, delegava l’Avvocato Alberto De Marco, ad effettuare l’accesso presso la Cancelleria del Tribunale Civile di Salerno, Ufficio Esecutorietà al fine di sollecitare e sbloccare la concessione dell’esecutorietà relativa al Decreto Ingiuntivo. Dopo il pressing dell’Avvocato De Marco diretto al pignoramento dei beni e dopo la pregevole pubblicazione dell’articolo del quotidiano “Cronache del Salernitano”, diretto da Tommaso D’Angelo, finalmente l’ASL di Salerno pagava i debiti direttamente all’ENI. Nell’interesse della collettività e dell’importanza dei servizi sanitari, auspichiamo in una maggiore razionalizzazione della gestione dei servizi sanitari, finalizzata ad una maggiore efficienza, nonché ad una riduzione delle criticità. L’Avvocato De Marco, in qualità di Presidente dell’Associazione Amici di Totò … a prescindere! – Onlus e della Fondazione Amici di Totò … a prescindere! e Vice Presidente della Fondazione Duilio Paoluzzi, dopo avere ottenuto il risultato auspicato del pagamento dei debiti dell’ASL nei confronti dell’ENI, ha deciso che devolverà il proprio compenso al fondo, che costituirà nei prossimi giorni “Per la città della Pace, dell’Amore e della Gioia”, che sarà dedicato a Santa Madre Teresa di Calcutta, nel quale confluirà l’intero importo del libro : Eugenio Pacelli, Pio XII, il Pontefice più amato e vituperato nella storia della Chiesa, di Alberto De Marco e di Duilio Paoluzzi, Edizioni Movimento Salvemini, unitamente alle donazioni dell’Associazione Amici di Totò … a prescindere! – Onlus, o a quelle che riceverà dagli amici e fan sul proprio sito o sui profili che ha su facebook.

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.