il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

LA DONNA VISTA CON ALTRI OCCHI


di Clementina Leone
MERCATO S.S. – L’ 8 marzo nell’aula Consiliare del Comune di Mercato San Severino, si è svolto il terzultimo incontro didattico del progetto Comunale della dr.ssa Clementina Leone: ” La Biblioteca sono io …. Il Libro un tesoro da custodire”.  Allo stesso, hanno partecipato gli alunni delle classi IIIᵉ della scuola Secondaria di I grado San Tommaso diretta della eccellente   dr.ssa Renata Florimonte. L’evento è stato dedicato alla giornata internazionale della donna, per ricordare le conquiste politiche, sociali ed economiche della stessa, e le violenze che ha subito nella storia. Inoltre, sempre  durante la mattinata con interventi esaustivi, oltre alla dr.ssa Leone, altre  4 grandi donne hanno partecipato all’evento. La prima l’Assessore alle politiche culturali del Comune di Mercato San Severino Vincenza Cavaliere, da sempre molto attiva in politica  e attenta alle esigenze dei cittadini in particolar modo dei più giovani, ha spiegato, raccontato e interagito con i ragazzi sull’evoluzione della figura femminile nella storia, la seconda e la terza il Presidente dell’Associazione di volontariato il Mantello Gerardina Paciello e l’Assistente Sociale Ivana Iannone invece, con l’aiuto di video hanno raccontato e  spiegato ai ragazzi l’altra realtà che ogni giorno vivono molte donne in alcune parti del mondo, e del grande aiuto che le stesse ricevono da un gruppo di suore che definirei senza ombra di dubbio angeli senza le ali. Infine, la quarta, Veronica Carratù Vice Presidente dell’Associazione Noi Donne Soprattutto , ha sottolineato l’importanza della prevenzione attraverso testimonianze, racconti e progetti. Ma tornando al tema della mattinata: la donna, la dr.ssa Clementina Leone  ha illustrato ai ragazzi i  vari passaggi  storici che hanno riguardato la stessa: da elemento del focolare domestico alla quasi completa emancipazione femminile, non senza sforzi, sacrifici e lunghe battaglie. Infatti, l’evoluzione del ruolo della donna, con molti alti e bassi, ha raggiunto notevoli livelli e oggi, pur non potendosi considerare conclusa, può ritenersi esaustiva e a tratti soddisfacente. Oggi,  molto è mutato: le donne hanno le stesse opportunità degli uomini, anche per esempio in base alla normativa vigente, ma al di là della legge, è vero che la donna è libera di scegliere, di lavorare, di votare, di crescere o meno dei figli e ha raggiunto molti obiettivi, pur con molte lotte, anche all’interno dello stesso mondo femminile. Come dicevamo però, questo percorso travagliato non può certo ritenersi concluso: davvero uomini e donne godono di pari opportunità? La risposta è un sonoro “NI”: come sappiamo infatti, ancora la preferenza del sesso è importante e in alcuni sensi ancora invalidante per le donne. Questo ancora rappresenta una sorta di discriminante uomo-donna, esistente, anche se in forma minore, pure nei Paesi sviluppati economicamente, come quelli dell’UE o in America.  A prescindere quindi dalle capacità o dalle volontà, ancora sono molti i passi da gigante che occorrono fare per arrivare ad una più completa parità di genere, in molti settori, da quello lavorativo ed economico a quello sociale. Pur con i dovuti paletti ben fissati e le tante conquiste fatte, la donna ancora oggi, anche se più consapevole e libera, deve ancora guadagnarsi il suo posto effettivo nel mondo, lottando contro pregiudizi e mentalità.

 

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.