il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

FERROVIA Sicignano-Lagonegro: interrogazione a risposta scritta del senatore Francesco Castiello al ministro delle infrastrutture e dei trasporti

VALLO di DIANO –

Premesso che:

-       La linea ferroviaria Sicignano-Lagonegro, sospesa all’esercizio dall’1 aprile 1987, attraversa un ampio territorio della provincia di Salerno, il Vallo di Diano, e giunge nel territorio della provincia di Potenza, il Lagonegrese;

 

-       Sulla tratta Sicignano-Lagonegro è attualmente attivo il servizio sostitutivo mediante autobus del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, inadeguato alle esigenze di mobilità di quel territorio, come da me rappresentato il 14 gennaio 2019, con lettera inoltrata al Ministro dei Trasporti Toninelli, all’Amministratore Delegato di Trenitalia SpA e all’Amministratore Delegato di RFI SpA;

 

-       La carenza di infrastrutture e di adeguati servizi ferroviari ha determinato in Campania, nel periodo 2011/2018, il drastico calo dei pendolari che fruiscono del treno (-33,9), l’aumento spropositato delle tariffe (+ 48,4) e il taglio considerevole dei servizi (- 8,1%), con grandi disagi per i cittadini campani, sempre più costretti ad utilizzare l’autovettura privata per gli spostamenti;

 

-       Nel Mezzogiorno d’Italia v’è la necessità di recuperare il gap infrastrutturale determinato dalle scelte politiche del passato, che hanno fatto sì che la rete ferroviaria, con i suoi 16.781 km, non fosse distribuita equamente sul territorio nazionale, penalizzando il Sud;

 

-       I 16.781 chilometri di rete ferroviaria si presentano così distribuiti sul territorio nazionale 45,50% al Nord, 24,50% al Centro e 30% al Sud. Il dato del Sud è ancora più preoccupante se si considerano due aspetti: l’estensione del territorio e i chilometri di linee a binario unico presenti. Scorporando i dati fra le diverse tipologie di linee, abbiamo:

  • linee a doppio binario 50% Nord, 29% Centro, 21% Sud;
  • linee a binario unico 41% Nord, 20% Centro, 39% Sud.

 

-       Nei primi 15 anni del Duemila, gli investimenti delle Ferrovie sono stati di 44 miliardi al Nord, 24 al Centro, 14 al Sud. Privare il Sud di una adeguata mobilità significa favorirne l’arretramento.

-       La linea ferroviaria Sicignano-Lagonegro costituisce una importante infrastruttura ferroviaria, che ha contribuito nel secolo scorso allo sviluppo economico del Vallo di Diano, in cui si sono insediate numerose piccole e medie aziende, grazie alla logistica garantita dal trasporto su rotaia. Difatti tale linea non è mai stata dismessa, seppure siano trascorsi oltre 30 anni dalla data in cui fu sospeso l’esercizio ferroviario, in quanto v’è la comune convinzione che occorre investire su questa infrastruttura e sul suo funzionamento, per poter rilanciare l’economia del Vallo di Diano e garantire il diritto alla mobilità ai cittadini residenti;

-       La linea Sicignano-Lagonegro si dirama dalla linea Battipaglia-Potenza-Taranto, quest’ultima in esercizio. Il tracciato di entrambe le linee risale alla fine dell’800, realizzato con curve di piccolo raggio e livellette con notevoli pendenze. Potenza è l’unico capoluogo di regione rimasto indietro di oltre un secolo, dal punto di vista ferroviario, ciò impone una approfondita riflessione, a cui occorre dar seguito con importanti interventi infrastrutturali sulla linea Battipaglia-Potenza e sulla linea che si dirama da essa, Sicignano-Lagonegro.

Si chiede di conoscere

quali iniziative intende assumere il Ministro in indirizzo:

-       per garantire, nell’immediato, un efficiente trasporto ferroviario, integrato e intermodale, nel Vallo di Diano (SA) e nel Lagonegrese (PZ), così da rimuovere le criticità già segnalate dallo scrivente con la nota in data 14 gennaio 2019;

-       per ripristinare la circolazione sulla linea Sicignano-Lagonegro, anche attraverso l’adeguamento del tracciato e dell’infrastruttura ai nuovi standard;

-       per velocizzare, riammodernare e adeguare ai nuovi standard la linea Battipaglia-Potenza, in modo da ridurre sensibilmente i tempi di percorrenza tra il capoluogo della Basilicata e il territorio della provincia di Salerno e di Napoli.

 

Roma, 17/03/2019

Senatore Francesco Castiello

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.