il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Centro Studi Vincenzo Giordano

     

La redazione

 

SALERNO – Nasce il centro studi ‘Vincenzo Giordano, per Salerno Socialista’ “Il centro studi ‘Vincenzo Giordano, per Salerno socialista’ nasce per promuovere e sollecitare riflessioni sulla figura di Vincenzo Giordano e per rilanciare proposte riformiste nella città di Salerno” nasce con questa mission il comitato promotore. Tutto proiettato nel futuro. Il presidente sarà Marco Lamonica, il portavoce Gaetano Amatruda, giornalista cresciuto con Enzo Giordano. Nel comitato, e presenti alla conferenza stampa, il segretario provinciale del Psi, Silvano del Duca, il capogruppo al Comune di Salerno Massimiliano Natalla, il rappresentante della Fgs, Vittorio Cicalese ed ancora il giovane imprenditore Luca Lamberti e Giuseppe Coglianese per il Nuovo Psi. La caratteristica, considerata vincente, è che nessuno dei promotori presenti alla conferenza stampa è stato protagonista del glorioso Psi. Ci sono, infatti, le nuove leve del Psi, socialisti liberi e giovani imprenditori. Nel comitato promotore saranno coinvolti Carmine Romaniello, poi i volti storici come Gabriele Bonaiuto e Sandro Livrieri. Nel comitato scientifico, che sarà formalizzato con qualificate adesioni, ci saranno Stefano Caldoro ed Enzo Maraio. “Un centro studi informale, apartitico, aperto a singoli, associazioni e personalità della politica che – dicono i promotori – non ha l’obiettivo di diventare un contenitore elettorale ma di essere motore di dibattito e confronto. Vincenzo Giordano, esponente del Psi nella provincia di Salerno e sindaco della città capoluogo dall’8marzo del 1987 al 22 maggio del 1993, fu la sintesi di una progetto ‘laico e di sinistra’, punta di riferimento di un collaudato gioco di squadra”. “Fu – sottolineano dal comitato – il Sindaco della svolta di Salerno, della città che guardava al futuro. Un piano regolatore moderno, l’esigenza di puntare sugli spazi verdi e le grandi opere. E’il Sindaco del ‘Corso Vittorio Emanuele’, del Trincerone, della Lungo Irno, della edilizia popolare. Il primo cittadino che diede un impulso decisivo sul rilancio del Teatro Verdi e sulla inaugurazione del nuovo Stadio. Con Enzo Giordano e con le Giunte laiche e di sinistra Salerno iniziò a ragionare in grande, ad essere protagonista in Campania e modello per il Sud”. Il centro studi intende recuperare quel metodo riformista, ricordare alla città ed alle giovani generazioni la figura di un ‘socialista galantuomo’ e soprattutto intende dare un contributo sul futuro della città. Perché rilanciano “ricordare un riformista è, infatti, costruire futuro e non abbandonarsi alla nostalgia, al risentimento. Ricordare un socialista riformista è costruire. Senza anatemi e con spirito costruttivo, sempre”.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.