il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Spiagge sicure ad Eboli: installate 8 nuove postazioni sulle spiagge libere, presenza di bagnini sull’intero litorale

 

 da Massimo Cariello

Completata l’operazione “spiagge sicure”. Sono almeno 8 le postazioni di salvataggio in mare già sistemate lungo le spiagge libere del litorale ebolitano, che garantiscono sicurezza ai bagnanti anche al di fuori degli stabilimenti attrezzati. «L’obiettivo è stato raggiunto ancora una volta grazie alla rete che l’Amministrazione comunale ha realizzato sul territorio e che in questa occasione ha portato ad un’intesa tra Comune di Eboli ed operatori turistici – sottolinea il sindaco, Massimo Cariello -. Un accordo che anche quest’anno garantisce la sicurezza in mare ai bagnanti, segnalando la costa ebolitana come un litorale sicuro per le famiglie, in questo modo incentivando sempre di più la presenza di turisti e di bagnanti». Sono stati gli stessi balneatori a farsi carico dei costi relativi all’installazione di postazioni ed al presidio da parte degli operatori, comunemente chiamati bagnini. L’accordo con i concessionari degli stabilimenti balneari non prevede solo l’assistenza in mare, ma anche una vera e propria sorveglianza delle spiagge libere. «I concessionari si sono messi a disposizione anche in seguito all’accordo con il quale siamo intervenuti concedendo loro maggiore spazio dopo i danni subiti dalle mareggiate – ricorda il vicesindaco, Cosimo Pio Di Benedetto -. Oltre all’assistenza ai bagnanti in acqua, gli operatori sorveglieranno le spiagge e faranno opera di prevenzione, evitando così incidenti. Una presenza capillare, che in questa prima parte dell’estate e dell’attività balneare ha già fatto registrare alcuni interventi decisivi. Un’azione a vantaggio della sicurezza, che abbiamo esteso all’intero litorale ebolitano, garantendo le famiglie ed assicurando presenze per il comparto turistico».

Eboli, 6 luglio 2019

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.