il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Il GIGANTE della Campania un successo straordinario Lo spettacolo teatrale più alto della Regione incanta ed emoziona

 

La redazione

 

CERVATI – “Tante, anzi tantissime, le persone che per ore e ore si sono arrampicate lungo gli impegnativi ed affascinati sentieri che da Sanza, Piaggine e Monte San Giacomo conducono alla vetta più alta della Campania, il Monte Cervati, e lì, tra il cielo, il sole, il silenzio hanno incontrato il Teatro. Quello che muove le persone; le muove veramente: corpi ed anime sospese nell’infinito.”

Ci piace cominciare questo comunicato con le parole di uno dei tantissimi escursionisti che hanno partecipato all’Evento.

Dalla collaborazione tra La Cantina delle Arti, il C.A.I. Montano Antilia e il Rifugio Cervati, ieri “Il Gigante della Campania”, lo spettacolo teatrale più alto della Regione, è andato in scena sulla vetta del Monte Cervati, facendo registrare il “tutto esaurito” nel senso che, anche quest’anno, mai tanta gente contemporaneamente in vetta.

Giunto alla sua seconda edizione, il progetto, patrocinato e promosso dal Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, punta i riflettori sul Monte Cervati quale Grande Attrattore Naturalistico in grado, ancora una volta, di rendersi protagonista indiscusso del territorio.

“Uno spettacolo teatrale in vetta – ha dichiarato Enzo D’Arco, autore e protagonista dello spettacolo nonché Direttore Artistico dell’Evento – è un progetto culturale che offre un’esperienza completa in grado di integrare bellezza, fruizione e conoscenza. Come lo scorso anno abbiamo recitato senza sipario, senza luci di scena, senza microfoni: solo noi artisti, insieme a me Antonella Giordano e Marzio D’Arco, il pubblico e la natura. Ritornando alle radici del Teatro. L’emozione è stata forte, le lacrime ed i sorrisi si sono intrecciati senza sosta, regalando a tutti, attori e spettatori, la consapevolezza di essere gli artefici del nostro futuro.”

“La nostra associazione – ha precisato Andrea Scagano del C.A.I. Montano Antilia – ogni anno stila un calendario eventi per far vivere in maniera sana e genuina il territorio del Parco Nazionale. Oltre alle numerose attività escursionistiche siamo stati ben lieti di organizzare manifestazioni culturali come questa che valorizzino la natura e fanno innamorare il popolo delle ricchezze sulle quali poter sperare prospettive di rilancio delle tante aree pedemontane da decenni colpite dallo spopolamento.”

“Puntare i riflettori sul Monte Cervati ha aggiunto Riccardo D’Arco del Rifugio Cervati – è la chiave giusta per entrare nel futuro della nostra terra immaginando uno sviluppo turistico compatibile con l’ambiente circostante che ci accoglie. La semplice ospitalità della gente rurale, il sapore genuino dei cibi tradizionali e l’escursionismo naturalistico sono le roccaforti dove cercare la ricchezza del nostro territorio e le potenzialità sulle quali abbiamo costruito l’offerta turistica di Ospitalità in Alta Quota praticata dal 2015 presso il Rifugio Cervati.”

“ L’idea di uno spettacolo teatrale a 1899 metri slm – ha concluso il Presidente del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni Tommaso Pellegrino – mi ha subito affascinato. Vedere anche quest’anno circa 200 persone giungere a piedi in vetta è stata la conferma che bisogna investire correttamente per rilanciare i Grandi Attrattori Naturalistici del nostro territorio. Il Monte Cervati rappresenta una cornice ideale per mettere in mostra il fascino senza tempo di questa terra di rara bellezza dell’Europa Mediterranea oltre ad essere il punto nevralgico di unione tra le aree interne e la fascia costiera, fondamentale per stilare una proposta  di turismo integrato che sappia cogliere l’essenza del nostro amato Sud.”

Anche il vice Sindaco di Sanza, Antonio Lettieri ed il Sindaco di Piaggine Guglielmo Vairo, presenti all’Evento, hanno espresso il loro profondo apprezzamento.

Alla fine tanti, tantissimi applausi, abbracci e lacrime. Poi, tutti insieme a pranzo. Una parte al Rifugio Cervati ed un’altra parte alla Casa del Pellegrino del Santuario Madonna della Neve, con la squisita ospitalità messa a disposizione dall’Arciconfraternita S. Maria della Neve.

Lo straordinario successo obbliga tutti a darsi appuntamento per la terza edizione de “Il GIGANTE della Campania” il 19 luglio 2020.

 

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.