il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

POPOLARE di BARI: è salernitano il deus della banca fallita !!

 

Aldo Bianchini

SALERNO – Neppure “Fanpage” è stato capace di scoprire che il “grande vecchio” di uno dei più grandi sconvolgimenti finanziari italiani (crack della Popolare di Bari) è salernitano; è nativo di Laureana Cilento ed il suo nome è Vincenzo De Bustis.

Chi è il finanziere-banchiere salernitano che da decenni resiste sulla cresta dell’onda di molti istituti bancari ?

  • Vincenzo De Bustis, nativo di Laureana Cilento in provincia di Salerno, ex direttore generale della Popolare di Bari (2011-2015), rientrato a fine 2018 nella veste di amministratore delegato. Prima era stato presso la Deutsche Bank e prima ancora anche un passaggio significativo presso il Monte dei Paschi di Siena che aveva acquistato una banca pugliese in fallimento e con a capo sempre De Bustis.

Insomma l’uomo ovunque, l’uomo giusto per tutte le stagioni, capace di uscire dalla porta       per rientrare dalla finestra e viceversa; che oggi parla di “cattivo management,           irresponsabile, esaltato”, di “conti truccati“, di una politica del credito che “ha distrutto il         patrimonio dell’azienda”. Specificando: “Taroccavate pure i conti economici delle filiali”.            Ma con l’intervento dello Stato, precisa, “la banca diventerà forte, voi potrete dire che       abbiamo lo Stato dietro e quindi i soldi dateceli a noi, gli altri li sfondate” (fonte Fanpage).

Lo Stato dietro, dice De Bustis; ma chi è lo stato ovvero chi rappresenta o ha rappresentato lo Stato in questi ultimi decenni ?

  • Per quanto riguarda il cilentano Vincenzo De Bustis sembra esserci dietro soltanto un uomo, un grande uomo di potere che risponde al nome di Massimo D’Alema; secondo le notizie sotto traccia che circolano negli ambienti bancari bene informati si sussura che per decenni il De Bustis, uomo potentissimo e inavvicinabile, è stato l’uomo ovunque del potentissimo pugliese D’Alema; un politico che la cronaca passata e recente ha sempre posto ai massimi vertici del potere assoluto, ivi compreso quello bancario, in forza delle tanti operazioni compiute anche grazie alla capacità professionale del cilentano di Laureana Cilento che rispondeva sempre solo e soltanto a lui.

Al momento, dopo lo sc0nvolgimento della Popolare di Bari il banchiere cilentano sembra essere fermo al palo; c’è da scommettere, però, che quanto prima lo vedremo di nuovo in armi.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.