il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Nel Regno Unito l’aeroporto più accessibile d’Europa

Dott. Vincenzo Mele

SALERNO – L’A.C.I. Europe Accessible Airport Award è il riconoscimento internazionale di più alto prestigio che premia la struttura aeroportuale più accessibile in Europa: un pannello di esperti, docenti universitari addetti ai lavori e rappresentanti di associazioni ed enti europei a tutela delle persone con bisogni speciali, hanno conferito il premio basandosi su criteri di natura scientifica, come la topologia della struttura e l’assenza di barriere architettoniche e sulla qualità dei servizi di assistenza offerti.

L’aeroporto londinese di Gatwick si è dimostrato il migliore in Europa, soprattutto per i servizi offerti e gli investimenti prodotti in questo settore.
Tom Bartlett, Direttore commerciale dell’azienda emi-statale che gestisce lo scalo del West Sussex, ha dichiarato che vi è ancora molto da fare poiché è fondamentale aggiornarsi su ogni novità in campo medico, al fine di migliorare costantemente il livello di inclusione, ma che gli obbiettivi programmatici dell’ultimo piano decennale hanno dato i loro frutti.
Alcune delle innovazioni dell’Aeroporto di Gatwick, introdotte negli ultimi anni, sono: un sistema multisensoriale connesso ad un’applicazione, scaricabile su ogni cellulare da cui i passeggeri ipovedenti e non vedenti possono, chiamare l’assistenza, orientarsi nella struttura, effettuare acquisti, leggere i tabelloni delle partenze e degli arrivi e recuperare il bagaglio sul nastro trasportatore in completa autonomia ed in più di cinquanta diverse lingue, un sistema di sedie a ruote automatiche, una nuova stanza “premium – style” PRM Lounge adibita a tutte le persone con disturbi dello spettro autistico, disturbi cognitivi o altri bisogni speciali.
Inoltre l’Aeroporto offre formazione gratuita al personale delle compagnie aeree, inclusi corsi per riconoscere le disabilità non visibili.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.