il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

VALLO DELLA LUCANIA : “IL TRIONFO DELL’INNOCENZA” L’ULTIMA OPERA LETTERARIA DI GENNARO SCELZA

Michele D’Alessio

prof. Gennaro Scelza, scrittore

VALLO della LUCANIA – A causa del Covid-19, non c’è stata la presentazione ufficiale dell’ultimo libro del Professore Gennaro Scelza di Angellara in Vallo della Lucania, “Il Trionfo Dell’innocenza”, una piccola grande opera letteraria composta da cinque brevi racconti in prosa e di 32 poesie inedite. Con prefazione di Angela Dibuono, pubblicato da Edizioni Dibuono di Potenza, il volume si presente in una veste grafica moderna e semplice, che dà al lettore un senso di leggerezza e di tanta voglia di leggere senza stancare. Nel libro, per chi ha avuto modo di conoscere il Prof. Gennaro Scelza, c’è tutto l’estro della scrittura, di chi scrive con passione e attenzione, come afferma e dichiara spesso, anche l’autore “…quando scrivo cerco di esprimere tutta la mia spiritualità…”. E’ noto che quando si scrive per sé, non si fa un atto che termina là dove finisce, si scrive solitamente per nobili scopi, oltre che per sfogo personale, naturalmente. Si scrive sempre per coinvolgere gli altri, per provare se le corde dei nostri sentimenti possono vibrare insieme ai sentimenti degli altri, sui temi fondamentali del nostro essere uomini, e in questo volume il maestro Scelza lo fa e lo ha fatto sempre molto bene.

I temi dello scrivere sono, in genere, vari, come, anche in questo delizioso libro, e spesso attingendo dal proprio vissuto: l’orrore delle guerre, le ingiustizie, la famiglia, gli amori, le grandi contraddizioni della nostra epoca, tra cui la carestia e la fame da un lato, l’opulenza e il consumismo dall’altra … contraddizioni che ci rivelano quanto è intramontabile il discorso di chi ha inventato i correttivi per la natura umana, portata a lasciarsi andare …la necessità di un comportamento corretto presente alla coscienza civile, prima ancora che alla coscienza religiosa … mi riferisco alle cosiddette virtù : di fronte alle avversità della vita e della storia è meglio essere prudenti piuttosto che avventati … è necessario essere forti e giusti nei rapporti con gli altri, e moderati, ovvero temperanti, tutto questo o gran parte di tutto questo, lo troviamo nei cinque racconti di narrativa del prof. Scelza, che con grande sensibilità d’animo sono sempre rivolti verso alla speranza.

Quando si prende in mano la penna, che sia uno scrittore, un poeta o un semplice giornalista, si vuol, sempre, dare forma poetica al proprio scritto, o attraverso la difficile pratica della metrica e con l’uso delle figure retoriche, oppure più semplicemente attraverso la prosa poetica, qui, invece, nelle liriche del poeta Gennaro Scelza, troviamo versi liberi, molto piacevoli, con un senso di freschezza e chiarezza, come quando si sente l’esigenza del fondo bianco, con i versi che, andando a capo creano pause appropriate e lasciano spazio per la riflessione del lettore… allora, l’aver tentato un modo facile di esprimersi ha ancora un altro senso aggiunto: quello di voler nobilitare lo scritto, quello di volergli dare maggior dignità con una stesura inusuale. Si dice che è poetico quel testo che è composto in modo da essere attraente di per sé.

Il volume tratta gli aspetti peculiari più comuni dell’animo umano, anche se, alcune poesie sono dedicate all’infelicità alla depressione alla solitudine, ai vari pensieri che possono turbare una persona durante la vita. Anche un bene importante per un uomo o una donna come ad esempio la casa, il paese, il dolore, viene vista come un insieme di sentimenti che vanno certamente a contrastare una apparente tranquillità quotidiana.

Bella la passione, di Gennaro Scelza, che certamente traspare in molte poesie di questo libro per il sole e la natura visti come qualcosa che creano aspettative che poi alcune volte svaniscono. Spesso l’autore, racconta, in altre poesie di amori e sogni, per quello che un uomo potrebbe fare ma in realtà non riesce ad attuare per eventi imprevedibili. Si intuisce che il filo conduttore del poeta è la ricerca verso un mondo migliore, fatti di valori autentici per costruire o meglio mantenere un po’ di umanità nella distratta società odierna, confermando cosi, che il mondo poetico (definizione tratta dalla raccolta di PETALI SPARSI), del poeta e scrittore Gennaro Scelza si colloca tra la tradizione e il rinnovamento. A noi non ci resta che dirvi Buona lettura con “Il Trionfo Dell’innocenza” ammazzando in modo utile il tempo della quarantena da Covid-19.

 

Biografia dell’autore

Gennaro Scelza nato a Vallo della Lucania il 28 Luglio 1933. Vive ad Angellara. Ha frequentato le scuole elementare, medie e superiori nel comune di nascita. Nell’anno scolastico 1952/53 ha conseguito il diploma di abilitazione magistrale. Ha insegnato nelle scuole elementari fino al 1994, in vari paesi del Cilento, fino al pensionamento. Durante l’insegnamento ha ricoperto vari ruoli, tutor didattico, formatore e anche vicario del direttore. E’ stato impegnato molto anche nella vita politica con il partito della Democrazia cristiana e poi con il partito popolare, coprendo l’incarico di segretario. Ha collaborato con varie testate giornalistiche locali e nazionali (L’appennino, Il Mattino, Il Calore Salernitano) e molte riviste culturali. Ha pubblicato cinque lavori letterari, tre raccolte di poesie, “Spigolature” del 1982, con ristampa nel 1989, “Petali Sparsi”nel 2015 e l’ultimo capolavoro Il Trionfo Dell’innocenza” anno 2020. Per completezza di informazione Gennaro Scelza e’ autore e paroliere di varie canzoni cilentante.

10 Commenti

  1. Michele D’Alessio ha fatto un bel lavoro di presentazione del mio volume “IL TRIONFO DELL’INNOCENZA”.Lo ringrazio di cuore.
    Il volume “IL TRIONFO DELL’INNOCENZA” è stato editato dalla Dibuono di Marsicovetere(Pz).E’ stato pubblicato la fine di gennaio 2020 e non è stato presentato a causa del Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri che vieta le riunioni.E’ stato ,perciò,rinviato, a data da fissare,a dopo questa pandemia.
    E’ un lavoro molto bello.E’ di facile lettura,sia per i racconti,sia per le poesie.
    I cinque racconti trattano episodi accaduti molto tempo fa : dal dopo la seconda guerra mondiale all’anno scolastico 1955/56.Tutti i racconti hanno una morale che va colta ed analizzata nei confronti della vita attuale. Per questo sono molto utili e leggerli è un piacere che ristora lo spirito. Hanno un frasario facile e ben composto.E’ un piacere rilassarsi in questo periodo di coronavirus che ci costringe a restare in casa.
    Le poesie sono trentatré e sono scritte a versi liberi.Sono facilmente godibili,perché sono trattate con una freschezza che ristora la vita ed il vivere quotidiano.Sono stati d’animo che vengono rappresentati con un tocco di umanità rilassante.
    In essi traspare la mia spiritualità ,con chiarezza, e vi risplende la passione dell’anima in tutti i trentatré argomenti, che devono essere letti e meditati, per trovarvi l’humus edificante della vita.

  2. Conosco il Prof. Scelza, e ho letto i suoi libri, racconta molto bene la realtà dei fatti. Avuto modo di ascoltare anche le sue canzoni con il maestro Pinto. L’.articolo lo descrive bene.

  3. Caro Prof.
    Il libro è già in libreria. Dove è possibile acquistarlo?
    Oppure bisogna prenotarlo…
    Saluti e complimenti….

  4. Viaggiando per il Cilento, spesso mi è capitato di leggere qualche vostra poesia , le ho trovate molto tenere e toccanti….anche queste parlano del Cilento o dei luoghi vicino…
    Congratulazioni e in bocca al lupo Professore..

    • Ti ringrazio,Antonio,per aver letto i miei lavori e per aver ascoltato le mie canzoni.

      Il libro,Franco DS,è esposto nelle edicole di Vallo,Se la tua residenza è fuori Vallo,devi prenotarlo al mio indirizzo.

      Grazie,Barbara,di aver letto le mie poesie pubblicate che hanno, come soggetto, persone del Cilento ed argomenti di natura nazionali ed internazionali.

      Ciao,Giovanni Sansivieri,grazie per aver letto le poesie pubblicate con la raccolta “Petali Sparsi” e per il tuo giudizio espresso con”HANNO UNA BELLEZZA DELL’ANIMA” e con “HANNO QUALCOSA DI INDESCRIVIBILE” e per i tuoi complimenti.

  5. Le poesie delle porta GENNARO SCELZA, che ho letto dal libro Petali Sparsi hanno una bellezza dell’anima, hanno qualcosa di indescrivibile…con le parole…si devono solo leggere…
    Complimenti all’autore…..

  6. Oggigiorni si scrive di tutto e di tutti…se il libro è così piacevole come dicono, mi riferisco all’autore e al giornalista …mi piacerebbe leggerlo e magari farlo leggere a qualcuno…. si può avere e come
    Saluti Donato….

  7. Complimenti al prof. SCELZA GENNARO, che avuto piacere di conoscerlo, durante una manifestazione politica, alcuni anni fa, persona gentile e colta.
    … non sapevo che scriveva anche canzoni.
    In bocca al lupo per il libro..

  8. Non conosco il Prof.Scelza però da quando leggo dall’articolo e dai commenti, deve essere un artista a 360 gradi, con molte attitudini artistiche …congratulazioni Prof.

  9. Solo chi scrive con il cuore e lo spirito puo dare emozioni uniche e vere …particolari… forse è questo da capire…complimenti Prof.
    Ad major semper (verso cose migliori)

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.