il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Associazioni a Candidati Sindaci”Applicazione legge 194″,Bastolla risponde

da Uff. Stampa Liberi di

 

 

Cava de’ Tirreni (Sa), 18/09/2020

A seguito del comunicato trasmesso  dal quotidiano on line     DentroSalerno.it  il 16 agosto 2020 :

“Cava de’ Tirreni: Amministrative, Associazioni a candidati Sindaci “Applicazione Legge 194!”

a firma delle Associazioni Assemblea Permanente delle Donne di Salerno e Provincia, Associazione Resilienza, Associazione La Rosa di Gerico, Se Non Ora Quando Cava de’Tirreni, ADoC Salerno, Associazione Luca Barba, Associazione Frida, Manden diritti civili e legalità Salerno, ArciGay Salerno, Associazione Agorà, Associazione Dedalo onlus Napoli, Associazione A Voce Alta.

Il candidato sindaco Enrico Bastolla ha accettato la rischiesta di lasciare una sua nota ufficiale riguardo al testo citato nel comunicato.

Da più parti viene chiesto di esprimersi in ordine alla legge 194/1978 nelle modalità attuative.

Sono un candidato sindaco ma sono soprattutto un uomo che avverte pienamente la responsabilità sociale.

A mio giudizio, va tutelato il diritto della donna  ad assumere la decisione in ordine di interruzione di gravidanza con le modalità che più si confanno alla sua persona  e che oggi sono legittime.

Potrei mai essere contrario ad una legge  di apertura alla libertà personale?

E questo perché sono convinto che ogni donna  che arrivi a tale decisione abbia sofferto un percorso e sia convinta di dover adottare tale rimedio.

Sono decisioni spesso dettate  dalla disperazione e prese in solitudine.

Le donne vanno adeguatamente assistite in un percorso che è psicologico e fisico.

Tante sono le associazioni che porgono assistenza e ancora altre dovrebbero poter agire sul territorio proprio in vista dell’attuazione delle più recenti disposizioni.

E’ importante, infatti, che si provveda anche alla tutela della salute oltre che lla tutela della libertà e mi auguro che il ricorso all’aborto farmacologico, nella privacy della propria abitazione, non sia solo un apparente conforto, perché le complicazioni potrebbero essere tali e tante e soprattutto non conosciute, per cui una rete di assistenza sociale è ancor più necessario oggi, rispetto al passato, affinchè la donna libera di formulare una scelta non metta a repentaglio la salute e la propria vita per non aver fatto ricorso a strutture sanitarie.

Alle voci dissenzienti, in specie quelle femminili, voglio ricordare il monito evangelico che nessuno sia pronto a scagliare la prima pietra, perché la sofferenza è un pozzo sconosciuto e nessuno può conoscerne la devastante profondità.

Enrico Bastolla Candidato sindaco Liberi Di

 

Si consiglia la lettura approfondita del testo prodotto dl Ministero della Salute

http://www.salute.gov.it/portale/donna/dettaglioContenutiDonna.jsp?lingua=italiano&id=4476&area=Salute%20donna&menu=societa

 

Per info e contatti: Mail: info@liberidi.eu www.liberidi.eu

 

 

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.