il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Fonderie Pisano: dopo l’assoluzione si aprono nuovamente al dialogo

La redazione

I titolari delle Fonderie Pisano

SALERNO – Riceviamo e con piacere pubblichiamo la nota stampa , diffusa dalle Fonderie Pisano, diretta alle tante autorità istituzionali (dal Presidente della Regione De Luca al Presidente della Provincia Strianese, dall’assessore regionale Bonavitacola al Sindaco di Salerno Napoli, per finire al sindaco di Buccino Parisi) per rinnovare la richiesta di dialogo attraverso la concertazione di tutti intorno ad un tavolo rotondo:

 

Negli ultimi anni la nostra azienda ha subito un attacco mediatico attraverso il quale è stata “accusata” di avere contribuito ala “distruzione” degli equilibri ambientali e, addirittura, di essere la unica fonte inquinante nella Valle dell’Irno. Va detto che – anche grazie agli accertamenti promossi dalla Regione Campania – lo studio Spes ha dimostrato che i fattori inquinanti riscontrati nella zona (mercurio e diossine) non fanno parte del ciclo produttivo della nostra Fonderia, in quanto tutte le analisi compiute dagli organi competenti hanno dimostrato che le emissioni di questi due elementi sono particolarmente ridotte.  Nei giorni scorsi si è concluso il giudizio sulle accuse a noi formulate in seguito a una indagine che ha preso il via nel 2016. Il Tribunale di Salerno ha assolto la nostra azienda da tutti i capi di imputazione “perché il fatto non sussiste”, riscontrando l’assenza di qualsiasi tipologia di reato di inquinamento di aria ed acqua, appurando il pieno rispetto di tutte le norme, e sanzionando la non corretta gestione di una parte dei rifiuti “non pericolosi”. La nostra azienda, presente nella zona da oltre centosessanta anni, a questo punto – dopo tutti gli accertamenti compiuti – può continuare a fare attività industriale e apportare ricchezza e valore aggiunto lì dove si trova a operare; ma, invece, intende avviare un programma che prevede una nuova localizzazione del sito. Non è la prima volta che torniamo su tale questione che riteniamo fondamentale e decisiva sia per noi, parte imprenditoriale, che per i lavoratori che ci accompagnano nella produzione di ghisa da moltissimi anni. La nostra attuale collocazione è in una area industriale che negli anni ha visto espellere tutti i siti produttivi per, poi, essere invasa da insediamenti residenziali,  qualche volta anche in maniera non conforme alle disposizioni legislative. Noi, quindi, avendo rispettato tutte le regole ambientali, siamo nelle condizioni di poter continuare ad operare nel sito di Fratte. Ma, poniamo una questione non secondaria. Da molto tempo abbiamo posto al centro dell’attenzione la necessità di procedere verso una nuova localizzazione dello stabilimento di Fratte, vincendo – innanzi al Tar – la causa proposta dal Comune di Buccino, e siamo pronti a entrare nel merito del nuovo stabilimento da noi progettato con la massima attenzione agli aspetti ambientali e produttivi. Il punto sul quale discutere e confrontarci è uno solo: siamo pronti  e disponibili – tutti insieme – ad affrontare questa nuova e grande, non più rinviabile, sfida?   Noi, sì..  E’ per tali motivazioni che richiediamo un incontro con Voi nel corso del quale illustrare il progetto nei minimi dettagli, con particolare riferimento agli aspetti tecnici e alle ricadute economiche e occupazionali. Sarà approfondito, ovviamente, da parte nostra ogni tipo di influenza sugli equilibri del contesto ambientale nel quale la struttura produttiva andrà a inserirsi. Nell’auspicio che presto si possa affrontare la fondamentale questione – per noi e  per i nostri operai -  di un nuovo futuro per le Fonderie Pisano, in un luogo da condividere, si porgono i più cordiali saluti.

Salerno, 18 novembre 2020

Il presidente delle Fonderie Pisano & C.

Guido Pisano

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.