il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

A Scarola ‘Mbuttunata

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La scarola, verdura classicamente usata dalla cucina casalinga e contadina, veniva e viene tutt’ora preparata come “zuppa di scarola e fagioli”, servita come contorno  oppure come farcitura per preparare la pizza di scarola nell’approssimarsi del Natale…

La scarola, liscia o riccia , fa parte della grande famiglia delle cicorie, ortaggio versatile dal gusto  un po’ amarognolo.

Accoppiata con gli ingredienti giusti come : acciughe, capperi , olive,  uvetta sultanina e pinoli,  risulta essere davvero saporita!

A scarola ‘mbuttunata (imbottita) , come viene chiamata a Napoli , è un piatto saporito e semplice, di origine contadina. Si tratta di una preparazione sfiziosa dagli ingredienti poveri ma tradizionali che ne fanno un contorno appetitoso.

Un mix di sapori : dall’amaro al dolce ed al salato….una vera squisitezza!

Un calice di vino bianco, un Greco di Tufo, strutturato  e fresco al punto giusto, per contrastare il sapore amarognolo delle scarole !!

 

Ingredienti:

4   scarole

100gr.olive nere di Gaeta

100gr.olive verdi

60gr. capperi

4 filetti di acciughe

50gr. uva sultanina

50gr. di pinoli

3 spicchi di aglio

60gr. di pecorino

sale

olio evo

 

 

 

Procedimento:

Pulite le scarole fino alle foglie morbide, sciacquarle sotto l’acqua corrente per poi lessarle leggermente per circa 2/3 minuti; scolatele e lasciatele intiepidire.

Ora apritele con delicatezza e ponete al centro delle foglie la farcitura preparata : olive , capperi dissalati , acciughe, uva sultanina ammollata e strizzata , pinoli ,aglio , poco sale ed un pizzico di formaggio  pecorino.

Chiudere le foglie e legare ogni scarola con dello spago fino.

In una casseruola mettere dell’olio ed uno spicchio di aglio : appena sarà caldo , immergere le scarole , coprire con un coperchio  e stufare per 20/25 minuti circa….

Il piatto è servito!!

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.