il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

L’ASSESSORE DEL COMUNE DI MERCATO SAN SEVERINO VINCENZA CAVALIERE, HA RIEMPITO DI POESIA LE FESTIVITA’ .


da Clementina Leone

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La grande collaborazione che esiste da sempre tra  l’Amministrazione  del Comune di Mercato San Severino guidato dal Sindaco il dott. Antonio Somma, e le  associazioni di categoria, i commercianti del centro e le tantissime associazioni del territorio, quest’anno, nonostante i dovuti divieti a causa della pandemia, ha comunque permesso alla città di Mercato San Severino  di poter vivere un Natale all’insegna delle luci, che alla fine insieme al tanto desiderato vaccino, simboleggiano, non solo  la speranza di poter rinascere più forti di prima, ma anche di far diventare il Covid 19 solamente un brutto ricordo. L’Assessore del Comune di Mercato San Severino, la dr.ssa Vincenza Cavaliere lo sa bene. Difatti,  la stessa, nonostante le difficoltà a causa del Coronavirus, come ha sempre fatto, ha provato a dare anche alle festività appena passate, usando una metafora,  ”un colore diverso”, senza dimenticare la cultura. Luci e concorso letterario rigorosamente on line con le scuole, sono stati i suoi punti di forza. La seconda edizione di “Piccoli versi di Natale”, anche quest’anno, ha riscosso un grandissimo successo. Infatti, sempre la stessa ha dichiarato: “In questo anno difficile per la vita dell’intera umanità abbiamo compreso tante cose. Apprezziamo i piccoli gesti che prima ritenevamo banali, apprezziamo il tempo passato con la famiglia. Stiamo provando anche tante emozioni come il vuoto interiore, la noia, la tristezza, la solitudine, la paura. Desideriamo che tutto finisca il primo possibile per poter tornare alla vita normale, per poter abbracciare i nonni, gli amici e le persone più care”. Proprio per questo, il tema centrale del premio letterario in oggetto,  dedicato allo scrittore Francesco Terrone, è stato  quello di scrivere poesie o racconti nei quali esprimere in modo spontaneo emozioni, sentimenti e riflessioni della vita al tempo della pandemia. Provare a guardare e ad  attraversare lo sguardo, per arrivare dritti al contenuto,  come diceva Marquèz, attraverso gli occhi dei bambini, ci permette di riuscire ad avere una visione autentica del mondo. Infine, al premio hanno  partecipato gli alunni delle Scuole Primarie e Secondarie di 1° grado.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.