il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Comunità Montana Vallo di Diano: con Cavallone sarà crescita o continuerà la sceneggiata ?

Aldo Bianchini

Avv. Francesco Cavallone - Sindaco di Sala Consilina, Presidente del Collegio dei Sindaci del Distretto Sanitario del Vallo e neo Presidente della Comunità Montana Valdiano

VALLO di DIANO – All’inizio di gennaio, il giorno 5, in assoluta anteprima avevo scritto sulla Comunità Montana del Vallo per annunciare che l’avv. Francesco Cavallone (sindaco di Sala Consilina e presidente del Collegio dei Sindaci del distretto sanitario) sarebbe stato il nuovo presidente.

E’ così è stato; sabato 23 gennaio all’unanimità (o quasi !!) il Consiglio generale della CM lo ha eletto nuovo presidente e successore del longevo arch. Raffaele Accetta (sindaco di Monte San Giacomo).

Ho ricalcato in grassetto l’affermazione “in assoluta anteprima” non per ricordare a tutti la previsione (caratterialmente non ci tengo affatto ad anticipare le notizie e nemmeno a rincorrerle, seguo solo gli insegnamenti di Papa Francesco, e commento), piuttosto per sottolineare che non è vero, come scritto qualche mese fa da un giornalista, che non conosco l’abc del giornalismo.

Fatta questa digressione non pertinente ma necessaria a ribadire certi ruoli che spesso vengono dimenticati dagli stessi protagonisti della vita politico-sociale del Vallo di Diano e dell’intera provincia di Salerno, passo all’analisi di quanto avvenuto nel Consiglio della CM.

Dunque, caduto il Re ecco pronto un nuovo Re; esperto, ma vecchio e pieno di cariche anche lui come il suo predecessore; vecchio politicamente, s’intende !! e forse ormai non più portatore di quella carica esplosiva che è garanzia di riformismo e innovazione.

Spero di sbagliarmi, anche perchè Cavallone mi appare ancora piuttosto almeno tonico sul piano fisico; si vedrà.

Da sinista, in alto, in senso orario: Paolo Imparato (sindaco di Padula e costruttore occulto della presidenza Cavallone), Vittorio Esposito (sindaco di Sanza, costruttore vero delle varie strategie politiche) e Raffaele Accetta (sindaco di Monte San Giacomo ed ex presidente della Comunità Montana)

Sicuramente l’esperienza di sindaco di lungo corso o l’altrettanto lunga presidenza di un Ente locale come il Gal, da sole non bastano per garantire crescita e rilancio di un Ente che, molto probabilmente, è destinato a chiudere baracche e burattini. Stia sereno l’ex sindaco di Casalbuono, il voto contrario del suo paese non è servito a niente; lui ha già dato, lo ha fatto anche bene ed ora è il momento di sedersi in panchina. E’ stato calciatore, e capirà.

 

Illogiche, per non dire altro, le dichiarazioni dell’uscente e dell’entrante: l’ultima di Accetta e la prima di Cavallone.

Accetta, ha fatto bene a rimarcare di avere svolto il suo incarico senza mai percepire alcuna indennità, ma ha dimenticato di precisare che la legge non prevede indennità per tutti i ruoli amministrativi e gestionali nell’ambito delle C.M.; chi arriva in CM è già garantito e, comunque, va a godere di un “reddito psicologico” difficilmente calcolabile in termini economici, tanto è il potere politico che ne deriva. Assolutamente ingenerosa l’affermazione del sindaco di Atena Lucana che in consiglio ha apostrofato Accetta paragonandolo ad “un ragazzino a cui hanno tolto il pallone”. Io sono fermamente convinto che Accetta ha svolto il suo ultradecennale ruolo di presidente al meglio delle sue eccellenti qualità e di deciso capitano di una squadra coesa.

Cavallone, ha fatto benissimo a ringraziare Vittorio Esposito (che come avevo scritto è stato il vero ed unico artefice del cambio in testa alla CM, lui che è un uomo di partito sa come gestire le strategie politiche utili al territorio), ma non altrettanto nel ringraziare soltanto il consigliere regionale Matera e non anche Pellegrino, atteso che entrambi non hanno avuto alcun ruolo nelle strategie politiche sorvegliate attentamente da Nello Mastursi, in nome e per conto sia di De Luca che del PD. Francesco Cavallone, insieme ad altri,  deve definitivamente capire che il PD non è un pullman sul quale e dal quale si può salire e scendere con un semplice biglietto obliterato.

 

La domanda sullo sfondo rimane sempre quella scritta nel precedente articolo: “Il cambio al vertice della Comunità Montana del Vallo di Diano sarà una occasione di crescita e di sviluppo o una nuova e squallida sceneggiata politichese ?”.

All’orizzonte i quattro sindaci rivoltosi (Buonabitacolo, Atena Lucana, Montesano e Polla) già si scolorano e, forse, corrono separatamente per la conquista dei propri interessi.

La stampa, ha affermato il sindaco di Teggiano, può e deve scrivere ciò che vuole; giusto, peccato che spesso non lo fa.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.