il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Calcio a 5: Alma Salerno C5, blitz della juniores a Chieti I granatini si impongono sul parquet di Bucchianico. Prestazione monstre di Severino: quattro reti

 

 

Matteo Maiorano (portavoce Alma Salerno C5)

L’under 19 guidata dal tecnico Ivan De Riggi s’impone con il risultato di sette a due contro i pari età del Città di Chieti. Prestazione sontuosa dei granatini, che espugnano un campo ostico di una diretta concorrente per il passaggio del turno. L’Alma Salerno conquista così il terzo successo nella competizione e resta al secondo posto nel raggruppamento S, a tre distanze dalla capolista Junior Domitia, che ha rispettato il turno di riposo.

Il primo tempo è scandito dalla consueta fase di studio, con le due squadre che prendono le misure dell’avversario, provando a gestire il possesso palla. L’equilibrio viene spezzato prima dell’intervallo dalla rete di José Severino, abile a sfruttare l’assist di Petronella per il vantaggio di marca granata. Nella ripresa il cinque abruzzese perviene subito al pari: De Riggi decide allora di cambiare lo spartito tattico e dare nuova verve al gioco granata. I frutti si vedono subito: i granata raddoppiano ancora con Severino, che fraseggia bene con Malamisura al limite dell’area.

Il vantaggio granata dura però un giro di lancette: il Città di Chieti riequilibra la gara a causa di una sbavatura difensiva del cinque di De Riggi. Il jolly lo pesca ancora Severino: l’ex FF Napoli riporta avanti i salernitani con un eurogol dalla distanza. I granata manterranno poi il pallino del gioco, aumentando il parziale grazie al break di Melillo, che dalla linea di fondo dribbla avversario e portiere certificando la superiorità tecnica del cinque di De Riggi. Al tabellino dei marcatori saranno infine annoverate le firme di Simone Petronella, Melillo e Severino, quest’ultimo autore di un poker finale.

DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MARCO BIANCHINI“Felice del modo in cui il gruppo ha approcciato la gara, nonostante di contro l’avversario giovasse del fattore campo. Rispetto ad altre uscite, siamo stati bravi a soffrire nel momento clou della contesa. Non mi piace parlare dei singoli, anche se certamente la crescita individuale aiuta il collettivo a prendere consapevolezza del proprio potenziale”.

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.