il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Torre del Cuore: da Salerno nel mondo, e viceversa … come Rodolfo Citro

Aldo Bianchini

Dr. Rodolfo Citro - (Cardio – Thoracic - Vascular Department, University Hospital “San Giovanni di Dio e Ruggi)

SALERNO – Trent’anni fa nessuno avrebbe scommesso un soldo di cacio sul fatto che Salerno avrebbe potuto esprimere, a livello di sanità pubblica e soprattutto di cardiologia e di cardiochirurgia, le eccellenze che in camice bianco operano ai piani e nei corridoi della “Torre del Cuore”.

Invece, per una serie variegata di motivazioni, il miracolo si è verificato e tutti noi da decenni assistiamo alla nascita, alla crescita ed all’affermazione di tanti giovani medici nell’arte della cardiologia e della cardiochirurgia con tutte le loro diversificazioni e mutazioni.

 

La storia, comunque, sarebbe troppo lunga da raccontare in un solo articolo, e come preambolo mi fermo qui perché oggi mi piace parlare di un medico cardiologo che è partito da lontano, ha fatto il suo percorso per raccogliere esperienza e per maturare la giusta professionalità prima di arrivare al centro della Torre del Cuore, quella che svetta dalla cittadella sanitaria in San Leonardo di Salerno.

Parlo del dr. Rodolfo Citro , tuttora inserito nella fascia di età degli over ’50 e quindi potenzialmente in grado di migliorare ancora, che da qualche anno a questa parte si sta imponendo all’attenzione della comunità cardiologica clinica e scientifica per professionalità, affidabilità e umanità; frutto del sudore per lo studio continuo e della intensa passione che lo hanno portato a svolgere il mestiere che Ippocrate seppe disciplinare e rilanciare come salvifico per l’umanità.

In passato ho già scritto di altri medici, come ho scritto molto della sanità pubblica salernitana, e non sempre ho scritto bene; questa volta, però, penso di non sbagliare affatto il giudizio se azzardo la convinta ipotesi che con Rodolfo Citro ci troviamo di fronte all’ennesimo miracolo prodotto, non per caso, da un modello di lavoro ai limiti della perfezione e sempre efficiente ed efficace; un modello di lavoro che non trascura quel giusto pizzico di umanità nel rapporto con i pazienti che è sempre tanto necessario

Dovrei qui dettagliare tutti i meriti professionali e formativi del dr. Rodolfo Citro ma ci vorrebbe un elenco lunghissimo; è utile, però, ricordare che Citro si è laureato in medicina presso l’allora I Facoltà di Napoli nel 1989 e che si è subito lanciato nelle specializzazioni tipiche della cardiologia fatta per passione e non per mestiere.

Per la sua intensa attività nella diagnostica con imaging cardiovascolare specie l’ecocardiografia ed il suo interesse per l’insufficienza cardiaca, la cardiomiopatia da stress e le malattie della valvola mitrale ed aortica è stato anche docente-relatore in oltre 250 tra congressi e corsi di formazione nazionali ed internazionali. Proprio qualche giorno fa ha avuto l’onore di essere tra i pochi italiani eccellenti, invitati al Congresso Nazionale della Società Giapponese di Cardiologia tenutosi a Yokohama partecipando in via web.

Non solo, al suo attivo ha una vasta produzione scientifica e di ricerca clinica con oltre 220 articoli pubblicati su prestigiosi giornali specializzati, meritando diverse citazioni su importantissime riviste scientifiche internazionali che lo hanno proiettato tra i primi cento cardiologi selezionati come “esperti” di disfunzione ventricolare sinistra nel mondo .

Non a caso e non per caso è attualmente membro del Board del Working Group Heart and Brain e del Council on Valvular Heart Disease della Società Europea di Cardiologia. Insomma, un medico che coniuga con abilità i tre principali obbiettivi di questa professione e cioè assistenza clinica attenta all’esigenze del malato, formazione continua e ricerca

La narrazione continua, ovviamente, perché quei ragazzi degli anni ’90 che avviarono la cosiddetta “rivoluzione del cuore di Salerno” meritano tutte le citazioni possibili su una stampa che, molto spesso, va soltanto a caccia di malasanità.

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.