il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

La lettera di Stefania Craxi a Giovanni Maria di Lieto

 

On. Stefania Craxi

Caro Giovanni Maria,

ti ringrazio per avermi inviato il tuo articolo. Fai bene a coltivare la memoria, senza memoria non si possono dare garanzie di futuro.

La storia di tua madre Stefania è la storia di una brava amministratrice di partito, di quando i partiti consentivano un percorso di esperienze, di confronto con la realtà e consentivano a tanti figli di nessuno di allearsi e diventare un giorno padri di qualcuno.

Va conservata la memoria di quel Partito che tanto ha fatto per il Paese e per le nostre città e che era una comunità di passioni e di ideali.

Una comunità che a Salerno è stata aggredita, sfregiata, abbattuta.

Va conservata memoria anche di questo, una brutta storia che ha ucciso persone, sfregiato biografie, decretato la fine di partiti storici che hanno fatto grande l’Italia e lasciato una democrazia ancora oggi a pezzi.

Questa memoria va difesa e tramandata, anche perché un Paese senza memoria ricadrà sempre nei medesimi errori.

Ti abbraccio fraternamente

 

Stefania Craxi

 

avv. Giovanni Maria Di Lieto

*****

 

Cara Stefania Craxi,

ho piacere di inviarti il mio scritto

“Per non dimenticare Stefania Venturini”.

Mia madre Stefania Venturini di Lieto (scomparsa il 24 marzo 2010) è stata un’esponente autorevole del PSI salernitano negli anni 70 – 90.

Un cordiale saluto

 

Giovanni Maria di Lieto

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.