il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

DOPO LA CONVOCAZIONE TARDIVA DELLA COMMISSIONE POLITICHE SOCIALI, LE “LACRIME DI COCCODRILLO” DEI “BUONI A NULLA” E DEL SIGNORE DELL’ASL. MA PERCHE’? MA PERCHE’? MA PERCHE’?

 

Dr. Donato Salzano - resp. Radicali Salerno

IL SINDACO NAPOLI QUALE MASSIMA AUTORITA’ SANITARIA PERCHE’ NON RISPONDE A 512 TRA FAMILIARI DEI DETENUTI E MILITANTI POLITICI GIUNTI AL 6° GIORNO (DALLA PASSATA MEZZANOTTE DI GIOVEDI’ 23 DICEMBRE) DI UNO SCIOPERO DELLA FAME DI DIALOGO SUL SOVRAFFOLLAMENTO NELLE FILE DAVANTI AI CENTRI VACCINALI IN CITTA’. A BREVE PRESENTERANNO ISTANZA E PETIZIONE AL SINDACO QUALE MASSIMA AUTORITA’ SANITARIA, AI SENSI DELLO STATUTO COMUNALE E DEL REGOLAMENTO SUGLI ISTITUTI DI DEMOCRAZIA PARTECIPATA.

Dichiarazione di Donato Salzano*:

 

“Ieri era 28 dicembre! Il Sovraffollamento e i trattamenti inumani e degradanti subiti da somministratori e somministrati nelle file davanti agli Hub e alle Usca ancora prosegue, del tutto simile a quello inferto da sempre a detenuti e detenenti, in continuità, in questo caso, almeno dal 1 dicembre (sic, sveglia!), ventotto giorni, dico ventotto giorni! Certamente il virus educatamente ha aspettato le festività natalizie degli “Atei devoti” delle irrinunziabili cene e pranzi di Natale e Santo Stefano, mentre credenti e nonviolenti digiunavano quale precetto in attesa dell’avvento del Santo Natale. Il dare corpo alla lotta nonviolenta e gandhiana giunto al 6° giorno di cinquecentododici tra familiari di detenuti e militanti politici si prefige di traferire forza e amore ed ottenere con il “Satyagraha” obbiettivi di dialogo nel con-vincere risposte e ordinanze urgenti e contingibili (art.32 l. n.883/1978) dal Sindaco quale Massima Autorità Sanitaria in Città, che pensa di poter omettere a precise disposizioni di legge in materia con la convocazione della tardiva Commissione “Politiche sociali” della Presidentissima Preside Barbara Figliolia supportata dalle bravissime due assessore De Roberto e Memoli con annessa dichiarazione congiunta al signore dell’Asl alla solita Stampa&Regime. I primi “buoni a nulla” e i secondi “capaci di tutto” ma proprio di tutto, che si limitano al compitino di prendere atto delle promesse utili (a chi?) per prendere tempo del signore dell’Asl ..”

 

Di seguito il testo dell’Istanza e della Petizione al Sindaco

 

ISTANZA E PETIZIONE AL SINDACO QUALE MASSIMA AUTORITA’ SANITARIA (ai sensi degli artt. 51 e 52 dello Statuto Comunale e dell’art. 3 del regolamento sugli Istituti di democrazia partecipata), dal titolo “somministrazione in efficacia e sicurezza del vaccino agli Hub e della diagnostica negli Usca”:

Ill.mo Sig. Sindaco

Arch. Vincenzo Napoli

SEDE

Chiediamo.

 

Noi cittadini sottoscrittori di potenziare l’efficacia e la sicurezza dei centri vaccinali e la diagnostica nelle Usca in Città, tale da spalmare l’utenza preventivamente prenotata su turni giornalieri, sette giorni su sette e dalle 7 alle 22, così da ridurre notevolmente l’impatto all’ingresso e nel contempo i potenziali contagi, per quel che ne sappiamo, aumentati oramai in maniera esponenziale.

 

Richiesta formale all’autorità militare d’invio urgente contingente unità personale sanitario da impiegare agli Hub e nelle Usca, con-vincere i medici di base al rispetto del giuramento ippocratico, se non al contratto sottoscritto con la Regione Campania, rendendosi disponibili a turni volontari ai centri vaccinali e negli Usca. Individuare nuovi Hub in Città, compatibilmente con la disponibilità di personale sanitario, amministrativo e della protezione civile.

 

Disporre allo scopo ordinanze specifiche ai sensi dell’art.32 della legge n.883/1978, che attribuisce appunto al primo cittadino la responsabilità sulla salute di tutti noi, con potere d’urgenti e contingibili ordinanze in materia di diffusioni epidemiche e pandemiche. Tali da interrompere urgentemente la strage del diritto e dei diritti nelle file davanti ai centri vaccinali e agli Usca, che di ora in ora sta divenendo sempre più strage di popoli.

 

P.s.  Per chiunque, purché residente a Salerno, volesse sottoscrivere la petizione al Sindaco, necessario firmare fisicamente in calce con la propria firma, fissando appuntamento lasciando un messaggio con i propri recapiti sulla pagina Fb “Dove finisce la pena?” o attraverso account messenger di Donato Salzano, sarete richiamati per la firma.

- “Dobbiamo proclamare la simbiosi tra Stato e diritto, perché lo Stato di diritto è la forma più convincente ed urgente della speranza, dell’essere speranza.” (Marco Pannella) -

 

* segretario Associazione Radicale “Maurizio Provenza”

 

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.