il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

SIGNORI IN CARROZZA

da Maria Giovanna Santucci

 

 

 

 

 

“La mozzarella in carrozza”, cibo ghiotto e rassicurante per i protagonisti del Cult Movie: Ladri di biciclette, di Vittorio De Sica.

Padre e figlio, in una scena toccante, si consolano dalla miseria, dalla ristrettezza e dalle frustrazioni della vita quotidiana, mangiando, nell’osteria, una filante mozzarella in carrozza.

Per il piccolo e sfortunato Bruno, protagonista della pellicola, la mozzarella in carrozza rappresenta l’unico pasto, mentre per il bimbo seduto al tavolo poco distante da lui, è solo un piccolo antipasto..

L’acquolina in bocca, il sapore, la golosità di un piatto che si identifica con la cultura dei valori semplici del riciclo: pane raffermo e fiordilatte o mozzarella avanzata dei giorni precedenti.

Due fette di pane cafone che fanno da “carrozza” passate nel latte e nell’uovo e poi fritte nell’olio scoppiettante, una girata ed una voltata e la mozzarella in carrozza è pronta per essere divorata..!

Ingredienti:

400gr.fiordilatte o mozzarella

400gr.fette di pane cafone raffermo

4 uova

latte q.b

farina q.b.

sale q.b.

pepe (facoltativo)

olio di arachidi o di semi per friggere

Procedimento:

In un piatto alto e largo, battere le uova con un pizzico di sale ed un pò di pepe.

In una ciotola versare il latte q.b. e in un altro piatto piano, mettere la farina.

Iniziare con il togliere tutta la crosta al pane e ricavarne il numero di fette necessarie, facendo attenzione a tagliarle piuttosto spesse.

Inzuppare completamente le fette di pane nel latte, quindi adagiare una fetta di fiordilatte o mozzarella tra due fette di pane, infarinare bene da entrambi i lati, poi passarle nel piatto con le uova battute e lasciarle riposare qualche attimo, tuffarle nell’ olio caldo e friggerle, appena saranno dorate adagiarle su carta assorbente per qualche secondo e servirle calde…  il piatto è servito!!

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.